SOMALIA. La catastrofe delle cavallette 

285

Decine di migliaia di ettari di terreno agricolo vengono distrutti dalle locuste del deserto che sciamano sulla Somalia, nella peggiore invasione degli ultimi 25 anni. Le locuste hanno danneggiato circa 70000 ettari di terreno agricolo in Somalia e nella vicina Etiopia orientale, ha detto l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, Fao.

La Fao ha detto che l’invasione di locuste è stata peggiore di quanto previsto ed è probabile che si diffonda ad altre nazioni del Corno d’Africa, tra cui Kenya, Gibuti, Eritrea, Sud Sudan e Sudan, riporta VoA. 

Dato che il tempo sembra favorevole alle locuste, c’è un’alta probabilità che continuino a riprodursi fino a marzo-aprile 2020, prevede la Fao. Uno sciame medio distrugge i raccolti che potrebbero sfamare 2.500 persone per un anno, ha detto la Fao.

I conflitti ed il caos in gran parte della Somalia rendono impossibile l’irrorazione di pesticidi per via aerea, che la Fao ha definito la “misura di controllo ideale”, ha affermato l’agenzia in un comunicato: «L’impatto delle nostre azioni a breve termine sarà molto limitato», riporta Reuters.

La peste delle locuste è molto più grave di quanto la Fao avesse previsto in precedenza ed è stata aggravata da piogge fuori stagione e inondazioni in tutta l’Africa orientale che hanno ucciso centinaia di persone negli ultimi mesi. Gli esperti dicono che gli shock climatici sono in gran parte responsabili dei rapidi cambiamenti climatici nella regione.

«È probabile che si formino altri sciami nelle zone precedentemente infestate di Afar del nord-est dell’Etiopia, lungo la zona ferroviaria tra Dire Dawa e Gibuti e nelle pianure costiere della Somalia nord-occidentale. Alcuni di questi sciami possono spostarsi a nord verso l’Eritrea, mentre altri si sposteranno verso l’Ogaden», afferma la Fao.

La crescita è in corso su entrambe le sponde del Mar Rosso, dove si sono formati diversi altri sciami sulla costa settentrionale dello Yemen, nonché una nuova generazione di schiuse. Alcuni sciami si sono spostati a nord verso le zone costiere adiacenti nel sud-ovest dell’Arabia Saudita. Si prevede che la schiusa e la formazione di sciami inizierà entro la fine di questo mese sulla costa del Mar Rosso dell’Arabia Saudita, tra Gedda e il confine con lo Yemen, dove operazioni di controllo a terra e aeree hanno trattato più di 15000 Ha durante la prima settimana di dicembre. 

In Sudan, le operazioni di controllo terrestre e aereo hanno trattato più di 12 000 ha di gruppi di adulti durante la prima metà di questo mese nelle zone di riproduzione estiva dell’interno, al fine di ridurre la migrazione verso le zone di riproduzione invernale sulla costa del Mar Rosso. Un controllo limitato è stato effettuato sulla costa del Mar Rosso nel sud-est dell’Egitto. La schiusa è prevista nelle prossime settimane lungo il versante occidentale del Mar Rosso dall’Eritrea al sud-est dell’Egitto.

Luigi Medici