SOCIAL MEDIA. In Asia è boom di download per i concorrenti di WhatsApp

115

WhatsApp ha creato sgomento tra i suoi utenti, e sui mercati internazionali, riscrivendo i termini di utilizzo il 6 gennaio. I nuovi termini consentiranno essenzialmente a Facebook, proprietario di WhatsApp, di accedere a determinate informazioni personali, come elenchi di contatti, ubicazione, informazioni finanziarie e dati di utilizzo. Da allora, i rivali di WhatsApp hanno visto un numero record di download.

Stando a quanto riporta Nikkei, Signal, un’applicazione di messaggistica privata, ha registrato 7,5 milioni di download a livello globale tra il 6 e il 10 gennaio. Si tratta di un aumento di 43 volte rispetto alla settimana precedente.

Un’altra app per la messaggistica, Telegram, ha dichiarato di aver accumulato più di 25 milioni di nuovi utenti in tutto il mondo tra il 10 e il 12 gennaio, superando i 500 milioni di utenti attivi – rispetto ai 2 miliardi di utenti attivi mensili di WhatsApp al febbraio dello scorso anno.

Nonostante le rassicurazioni di WhatsApp sul fatto che l’azienda non accede, e non può, alle conversazioni private in quanto sono automaticamente crittografate end-to-end, non è riuscita a fermare la migrazione di massa. Signal e Telegram hanno superato sia gli app store di Apple che quelli di Google in diversi paesi nell’ultima settimana, tra cui gli Stati Uniti, diverse nazioni europee e paesi asiatici dove WhatsApp è il messaggero dominante.

Decine di attivisti, studiosi e celebrità asiatiche hanno chiesto alla gente di abbandonare WhatsApp, che viene utilizzato da quasi l’80% della popolazione.

Signal, un’app no-profit che raccoglie solo i metadati assolutamente necessari, l’ha fatta risaltare in un campo di applicazioni sempre più affollato. Signal è sostenuta da donazioni, tra cui un prestito di 50 milioni di dollari dal suo co-fondatore Brian Acton, che ha anche contribuito a creare WhatsApp ed è stato a lungo un sostenitore della privacy dei dati.

Le nuove regole sulla privacy di WhatsApp mirano a facilitare il posizionamento di pubblicità su altre piattaforme di proprietà di Facebook. Questo permette a Facebook di monetizzare il servizio di messaggistica gratuito che ha acquisito per 19 miliardi di dollari nel 2014. Gli utenti che si rifiutano di accettare i nuovi termini che iniziano l’8 febbraio possono utilizzare solo funzioni limitate in seguito.

Per ora, l’Europa è l’unica regione al mondo in cui i nuovi termini sulla privacy di WhatsApp non sono applicabili, in quanto le severe leggi dell’Unione Europea sulla privacy autorizzano le autorità a multare le aziende fino al 4% del fatturato annuo globale se queste ultime sono in disaccordo con i regolamenti.

In India, il più grande mercato unico di WhatsApp con una forte base di 400 milioni di utenti, alcuni analisti ritengono che non sarà influenzato in modo significativo, nonostante l’esodo sia stato segnalato.

Nel Subcontinente WhatsApp si è impegnato in modo molto ampio e ha stabilito essenzialmente l’ecosistema di attori di contenuti, di attori del commercio intorno ad essa che le permette di prosperare nel Paese; da questo punto di vista, né Signal né Telegram sono riuscite a eguagliarla.

In effetti, WhatsApp è comunemente utilizzata dalle aziende in Asia per comunicare con i clienti, molti dei quali dispongono di chatbot su misura per l’app. L’azienda ha lanciato WhatsApp Business all’inizio del 2018 ed è entrata nel settore dei pagamenti nei suoi due mercati più grandi, India e Brasile.

Anche gli utenti della messaggistica digitale a Singapore hanno adottato sempre più piattaforme concorrenti a WhatsApp, come Telegram, ancor prima che WhatsApp annunciasse i suoi termini di servizio aggiornati. Ma WhatsApp rimane ampiamente utilizzato. In un rapporto pubblicato a febbraio dello scorso anno, DataReportal ha rilevato che l’81% degli utenti Internet di età compresa tra i 16 e i 64 anni ha dichiarato di utilizzare WhatsApp.

Graziella Giangiulio