ZunZuneo spaventa Cuba

37

CUBA – L’Avana. 06/04/14. Gridano allo scandalo i cubani che da poco hanno disposizione il twitter locale. Secondo alcuni il social media sarebbe nato per sovvertire l’ordine politico dell’isola. «È stato progettato dagli Stati Uniti per destabilizzare il governo dell’isola» si legge sulla testata “el tempio latino”.

«I Cubano-americani sono divisi nelle loro opinioni circa la rivelazione fatta da The Associated Press che il governo degli Stati Uniti ha speso milioni di dollari al fine di creare un “Twitter cubano” destinato a minare il governo dell’isola».

Alcuni vedono il progetto come una valida alternativa a decenni di guerra fredda tra Stati Uniti e Cuba, che ha incluso i tentativi più violenti di rovesciare il governo dell’isola, tra cui un piano per dare all’allora presidente Fidel Castro, un sigaro esplosivo, che non è riuscito. Per altri, la notizia è stata data per screditare il lavoro di alcuni giornalisti, blogger dell’Isola.
Tra il 2010 e il 2012 , il social network ZunZuneo ha attirato decine di migliaia di cubani che cercano modi per aggirare lo stretto controllo governativo sui media e telecomunicazioni. In realtà, ZunZuneo è stato creato con una sovvenzione da parte del Dipartimento di Stato americano, e nel tempo, dal social sono cominciati a passare i messaggi anti-politici e incoraggiare il dissenso tra i giovani dell’isola .
Le rivelazioni sono venuti in un momento particolarmente sensibile per tempo gli attivisti nell’isola dal blogger cubano Yoani Sanchez che si prepara a lanciare un progetto editoriale il mese prossimo.
«Il governo cubano farà di tutto per screditare Yoani ( Sanchez ), e altri leader dell’opposizione a Cuba che utilizzano i social per fare informazione». Dice Andy Gomez, un esperto di Cuba e la politica consulente dello studio legale Poblete Tamargo.