Cancellerò la Fratellanza dall’Egitto

77

EGITTO – Il Cairo 06/05/2014. Le dichiarazioni del generale Abdel Fatah al- Sisi sulla sua politica verso gli islamisti fatte in una intervista radiofonica andata in onda il 5 maggio, hanno scatenato la polemica politica nel paese.

Sissi ha dichiarato, infatti, di essere molto critico verso l’Islam politico e di voler sradicare la Fratellanza Musulmana. Nour Shaban Abdel- Aleem del partito Nour ha però detto l’intervista rassicurava il popolo egiziano sottolineando la necessità e la volontà di rivitalizzare lo Stato di diritto per contenere l’attuale caos sociopolitico che domina il paese. Abdel- Aleem, nelle dichiarazioni riportata da VetoGate.com, afferma: «Sisi affronta le sfide attuali che attendono il paese. Sono sicuro che prenderà decisioni giuste per ripristinare la sicurezza. E speriamo che consenta ai partiti politici un ruolo nel processo decisionale politico». Il Partito Nour ha già espresso il suo sostegno a Sisi nelle prossime elezioni presidenziali, con una decisione presa dal partito salafita il 2 maggio. Tuttavia se la nomenclatura del partito sostiene Sisi, la base rimane fedele ai Fratelli Musulmani. Il presidente del partito Karama, Mohamed Samy, Hamdeen Sabbahi, detto, in una dichiarazione fatta a Youm7, che Sissi non ha discusso del suo programma elettorale nella prima parte dell’intervista. Il “fondatore” del partito Nour, Ghad Ayman, ha condannato le dichiarazioni, dicendo che l’insistenza sulla esclusione dei Fratelli Musulmani potrebbe aggravare l’attuale crisi nel paese. In un’intervista con il canale satellitare Al – Jazeera , Ayman ha detto che: «Ho sofferto per due ore nel seguire l’intervista, il candidato alla presidenza non mi ha fatto per niente una impressione positiva». Sisi, infatti, ha dichiarato durante l’intervista che non ci sarà spazio per i Fratelli Musulmani nel suo mandato presidenziale , gettando un ombra sulla sua tenuta democratica, affermano gli esperti. Nel frattempo , i Fratelli Musulmani si descrivono come “una spina nel fianco di ogni dittatore che ha governato il Paese” fin dalla sua fondazione . La Frtellanza, sul suo account Twitter in inglese, commentando l’intervista, ha detto: «Tutti volevano che la Fratellanza scomparisse, quando tutto questo sarà finito, la Fratellanza ci sarà ancora». Aisha el- Shater , figlia dell’ex vice guida suprema della Fratellanza Khairat el- Shater, ha negato le accuse mosse da Sissi di essere stato minacciato di morte dal padre prima della cacciata di Mohamed Morsi. Riporta Al- Masry Al – Youm: «Mio padre ha speso la sua vita nello sforzo di servire il paese. Ha sopportato una reclusione repressiva per anni , si è rifiutato di lasciare il paese quando era un imprenditore di successo e quando la Fratellanza Musulmana ha preso il potere, non ha cercato vendette personali»