“Train & equip” al via in Turchia

53

TURCHIA – Ankara 09/05/2015. Il programma di formazione e le forniture per forze siriane di opposizione inizieranno presto in Turchia.

Lo ha annunciato il ministero degli Esteri turco l’8 maggio, riporta Anadolu. Durante la conferenza stampa settimanale, il portavoce del ministero degli Esteri turco Tanju Bilgic ha dichiarato infatti: «Il programma inizierà presto». Turchia e Stati Uniti hanno firmato un accordo il 19 febbraio per addestrare ed equipaggiare le forze di opposizione siriana. Per quanto riguarda le accuse mediatiche sui ritardi del programma, Bilgic ha detto: «Queste affermazioni sono prive di fondamento e speculative», aggiungendo che il programma ha una sua copertura legale: «Il programma continua come previsto. Non c’è nessun problema nella preparazione«, ha poi detto. Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu aveva detto il 2 maggio che la Turchia avrebbe avviato simili programmi per i combattenti dell’opposizione siriana, dal 9 maggio, con il coinvolgimento degli Stati Uniti, per consentire loro di combattere lo Stato Islamico e il regime del presidente siriano, Bashar al- Assad. Gli Stati Uniti hanno cominciato ad addestrare un gruppo di circa 90 ribelli siriani, aveva confermato il Segretario alla Difesa Ashton Carter il 7 maggio, dicendo che un secondo gruppo inizierà l’addestramento nelle prossime settimane. Oltre alla Turchia, Giordania, Qatar e Arabia Saudita hanno accettato simili programmi. Sul rapporto tra Turchia e Arabia Saudita, Bilgic ha detto: «Le nostre opinioni sulla Siria coincidono con quelle dell’Arabia Saudita (…) La Turchia collabora non solo con l’Arabia Saudita, ma anche con Gran Bretagna e Stati Uniti», ha detto Bilgic.
Per quanto riguarda le accuse di probabile invasione turca in Siria entro due giorni, uscite sul quotidiano Taraf e mosse dal leader dell’opposizione, Gursel Terkin, segretario del Partito repubblicano del popolo, Bilgic ha dichiarato: «È inutile commentarle. È chiaro che queste accuse non sono vere».