SIRIA. Le Bombe Ninja dell’USAF

48

L’esercito americano starebbe usando droni armati chiamati “Ninja Bombs” in Siria, per evitare “danni collaterali”, cioè le morti dei non combattenti. A differenza di altri missili, questo missile usa un materiale assai denso e sei lame attaccate.

Nel giugno 2019, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha rilasciato un filmato che mostrava i resti del missile che ha colpito un veicolo. Il video ha anche rivelato come ha ucciso i membri di Hurras al-Din, un gruppo affiliato ad aal-Qaida.

Si è ipotizzato che la “ninja bomb” sia stata sviluppata durante l’amministrazione di Barack Obama, quando la politica statunitense per gli assassini mirati di droni ha attirato le critiche a causa delle vittime civili. Fu usata solo in piccole quantità in Siria quando fu impiegata per la prima volta, riporta Tech Times.

Il New York Times ha riferito che l’uso più recente del missile è stato il 14 settembre, quando sarebbe stato usato per uccidere Sayyaf al-Tunis. La bomba ninja è l’ultima versione non esplosiva del missile Hellfire. All’inizio, l’arma era stata specificamente progettata come uno strumento per distruggere i carri armati e veniva usato in Afghanistan. Tuttavia, l’esercito statunitense ha ritenuto che il missile non fosse del tutto adatto in quel contesto.

Le bombe ninja sono descritte come strumenti con meno probabilità di uccidere i civili. In precedenza sono state usate più volte per uccidere i militanti in Siria, compresi quelli che sono collegati ad al-Qaeda. Il missile drone è ufficialmente chiamato “Hellfire AGM-114R9X”. Viene anche chiamato R9X o “Flying Ginsu”.

Il Comando delle Operazioni Speciali Congiunte degli Stati Uniti starebbe sempre più utilizzando quest’arma negli “omicidi mirati”. Si è affermato che la bomba ninja è stata usata per la prima volta nel 2017 per uccidere Abu Khayr al Masri, il secondo leader di al-Qaida, nella provincia di Idlib.

Questo missile ha ricevuto una maggiore attenzione quando il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo nel 2019, affermando che l’arma uccide solo i terroristi, non i civili.

Il missile drone utilizza una forza di oltre 45 chilogrammi di materiale denso, volando ad alta velocità. Una volta dispiegato, le sei lame attaccate colpirebbero prima dell’impatto, colpendo gli obiettivi che poi vengono schiacciati.

Luigi Medici