SIRIA. Assad incontra Xi Jinping

147

Il presidente siriano Bashar al-Assad è arrivato a Hangzhou, il 21 settembre dando il via alla sua prima visita nella nazione asiatica dal 2004 e compiendo ulteriori passi avanti per porre fine a oltre un decennio di isolamento diplomatico.

Assad è arrivato a bordo di un aereo dell’Air China in una fitta nebbia, che secondo i media statali cinesi “ha aggiunto un’atmosfera di mistero” in un cenno al fatto che il leader siriano è stato visto raramente fuori dal suo paese dall’inizio della guerra civile che ha causato più di mezzo milione di vittime.

Assad parteciperà alla cerimonia di apertura dei Giochi asiatici, insieme a più di una dozzina di dignitari stranieri, prima di guidare una delegazione per incontri in diverse città cinesi, incluso un vertice con il presidente Xi Jinping, riporta Reuters.

Assad incontrerà oggi Xi, un giorno prima che il presidente siriano partecipi all’apertura dei giochi, ha detto un membro della delegazione siriana, che domenica e lunedì terrà altri incontri a Pechino.

Essere visti al fianco del presidente cinese in un incontro regionale dovrebbe aggiungere ulteriore legittimità alla campagna della Siria per tornare sulla scena mondiale, durante la quale ha aderito all’iniziativa cinese Belt and Road nel 2022 ed è stata riammessa a maggio nella Lega araba.

Assad visitò la Cina l’ultima volta nel 2004 per incontrare l’allora presidente Hu Jintao. È stata la prima visita di un capo di stato siriano da quando sono stati stabiliti i rapporti diplomatici nel 1956.

La Cina, come i principali alleati della Siria, Russia e Iran, ha mantenuto questi legami anche mentre altri paesi hanno isolato Assad a causa della sua repressione delle manifestazioni antigovernative scoppiate nel 2011.

Il viaggio di alcuni giorni di Assad in Cina segnerà uno dei periodi di assenza più lunghi in Siria dallo scoppio della guerra civile nel suo paese.

Assad si trova ad affrontare le sanzioni imposte da Australia, Canada, Europa, Svizzera e Stati Uniti, ma gli sforzi per applicare le sanzioni multilaterali non sono riusciti a ottenere il sostegno unanime del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, di cui fanno parte Cina e Russia.

La Cina ha posto il veto in almeno otto occasioni alle mozioni delle Nazioni Unite che condannavano il governo di Assad e miravano a porre fine al conflitto. A differenza dell’Iran e della Russia, la Cina non ha sostenuto direttamente gli sforzi del regime per riprendere il controllo del Paese.

La Siria ha un’importanza strategica per la Cina in quanto si trova tra l’Iraq, che fornisce circa un decimo del petrolio cinese, la Turchia, capolinea dei corridoi economici che si estendono attraverso l’Asia verso l’Europa, e la Giordania, che spesso media le controversie regionali.

Sebbene la Siria sia un produttore di petrolio relativamente piccolo, le sue entrate sono fondamentali per il regime di Assad.

Nel 2008 e nel 2009, le major energetiche statali cinesi Sinopec Corp, Sinochem e Cnpc hanno investito complessivamente 3 miliardi di dollari in Siria, spinte dalla richiesta di Pechino di acquisire asset globali di petrolio e gas.

Gli investimenti includevano l’acquisizione da 2 miliardi di dollari da parte di Sinopec di Tanganyika Oil, un piccolo produttore di petrolio pesante, e l’acquisto da parte di Sinochem di quasi 900 milioni di dollari della Emerald Energy, le cui attività erano principalmente in Siria e Colombia.

Sinochem ha interrotto le operazioni in Siria nel 2011, secondo il suo partner Gulfsands Petroleum.

Intorno al 2014, anche la Cnpc, coinvolta nella produzione di petrolio in diversi piccoli blocchi, ha cessato la produzione, a seguito delle sanzioni dell’Unione Europea e del dispiegamento degli Stati Uniti in Siria per combattere lo Stato islamico, hanno detto i funzionari della compagnia.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/