Shebab perde il suo leader?

39

SOMALIA – Mogadiscio. 03/09/14. Il leader del gruppo islamico somalo, Shebab Ahmed Abdi conosciuto come Godane, “molto probabilmente” è stato ucciso dopo il raid americano in Somalia, a darne notizia le fonti di sicurezza occidentali.

Dopo il bombardamento effettuato nella notte tra Lunedi e Martedì, «vi è un probabilità molto alta che il leader sia morto (…) Ciò richiede ancora controlli nella zona, e non è facile», ha detto all’AFP una fonte della sicurezza che ha chiesto l’anonimato.
«È molto probabile che sia morto (…) Ma noi continuiamo a valutare la situazione», ha confermato in condizione di anonimato, un senior delle forze di sicurezza somale.
Gli insorti «stanno discutendo la successione di Godane», ha detto l’alto funzionario, senza fornire ulteriori dettagli. «Crediamo che il leader di al-Shabaab sia morto, anche se non abbiamo il suo corpo, il movimento non ha né confermato né smetito».
Un Shebab anziano responsabile contattato da AFP si è rifiutato di confermare o negare la la morte di Godane, la linea del silenzio è stata adottata dal gruppo islamico dopo il raid statunitense.
Se confermata, la notizia della morte di Godane sarebbe un duro colpo per Shebab, che perdere terreno da Agosto 2011. Diversi leader storici del gruppo e potenziali successori sono stati uccisi o si sono allontanati dopo la sanguinosa lotta intestina nel 2013, che ha visto Godane vittorioso. L’operazione condotta dalle forze speciali americane con droni e velivoli si è svolta Lunedi alle 03:20 GMT era volta a colpire una riunione di alti dirigenti di al-Shabaab in cui doveva essere presente Godane, fonte Pentagono.
Gli Stati Uniti hanno aggiunto di ignorare ora il destino del leader di al-Shebab, obiettivo del bombardamento. Shabaab è di fatto l’unico gruppo alqaedista della Somalia. Il timore di esperti occidentali è che ora possa arrivare in Somalia ISIS, (vedi foto) senza un leader le promesse del Califfato potrebbero allettare i guerriglieri dispersi di Shebab in Somalia e in Siria. 
Ahmed Abdi “Godane” è uno dei dieci uomini più ricercati al mondo del terrorismo da parte degli Stati Uniti, che sulla sua testa aveva messo una taglia di 7 milioni di dollari.