Pechino e Seul mai così vicine

48

CINA – Pechino. Il presidente cinese Xi Jinping il 3-4 luglio ha visitato la Corea del Sud come capo di stato. I temi principali della sua visita sono stati: la questione con la Corea del Nord sul nucleare, l’approfondimento delle relazioni tra i due paesi, e il crescente nazionalismo in Giappone. Le relazioni tra Pechino e Seoul sono attualmente le migliori nella storia tra i due paesi, parola di direttore dell’Istituto cinese di studi internazionali, Qu Xing. «E il fatto che Xi ha scelto la Corea del Sud per la prima visita alla penisola coreana, ha affermato l’importanza di associazione con la Cina». Fonte Izvestia.

 

Come detto dopo l’incontro tra i due presidenti, le parti hanno convenuto che è necessario per raggiungere la denuclearizzazione della Corea del Nord, e hanno accettato di essere scoraggiare Pyongyang a condurre ulteriori test nucleari. La visita di Xi a Seoul, in base al Parco Keun Hye – è un chiaro messaggio alla Corea del Nord. A dimostrazione di ciò il fatto che l’attuale presidente della Repubblica popolare cinese, a differenza dei suoi predecessori ha prima visitato Seoul ma non ancora Pyongyang. Per quanto riguarda le relazioni economiche, le parti hanno concordato quest’anno di iniziare tra loro scambi reciproci in “won” moneta coreana e “yuan” moneta cinese. Attualmente in Cina ci sono molte industrie coreane high-tech, come Samsung, Hyundai, LG. E poiché tutti i calcoli con la controparte cinese passano attraverso il dollaro statunitense, ci sono costi aggiuntivi per le attività in valuta estera. Utilizzando le monete locali alcuni costi verranno abbattuti. Inoltre, l’accordo sui calcoli diretti può aiutare Seoul come centro finanziario di Hong Kong e Singapore ad avere volumi d’affari sempre più interessanti. Inoltre durante la visita ha approvato investimenti massicci in parte coreana, titoli cinesi per un totale di fino a 13 miliardi dollari. Nel 2015, ha accettato di riprendere i negoziati su una zona di libero scambio, così come i contatti ad alto livello in materia di delimitazione delle zone economiche esclusive di Cina e Corea del Sud nel Mar Giallo (oggi queste aree si sovrappongono l’un l’altro, e questo porta a incidenti tra i pescatori dei due paesi). Il riavvicinamento tra Seoul e Pechino può essere considerato come un passo dimostrativo verso il Giappone, con la quale la Corea del Sud ha portato anche alle trattative in compensazione in moneta nazionale. Motivo per le attuali tensioni – la decisione del primo ministro giapponese Shinzo Abe di consentire all’esercito giapponese di partecipare alle operazioni militari all’estero, adottato il 1 ° luglio. Questo passo del Giappone contribuisce a far convergere Cina e Corea del Sud – ha detto Konstantin Asmolov del centro dell’Istituto coreano di Far Eastern Studies. Pechino è uno dei principali partner commerciali di Seoul. Inoltre, il presidente Pak mira a collegare il suo paese con l’Occidente attraverso la “Eurasian Initiative”, che comprende “la Via della Seta” per legare insieme le parti del continente, rendendolo una singola unità economica. A causa del peggioramento delle relazioni tra Tokyo, Seoul e Pechino uno dei temi dei colloqui tra i due leader è stata la cooperazione nel campo della ricerca storica sull’uso di donne coreane e le donne cinesi dai militari giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale come “donne di conforto”. Il Giappone, intanto, ha avviato negoziati con la Corea del Nord circa la sorte di cittadini giapponesi rapiti nel 1970-1980, presumibilmente – per aiutare i nordcoreani a imparare la lingua giapponese. Abe ha anche promesso di revocare parzialmente le sanzioni economiche contro Pyongyang. Parlare di risultati è troppo presto, tuttavia, Asmolov ritiene che, le parti non sono riuscite a litigare sia già una conquista.