Cina, 6 milioni le lavoratrici del sesso

68

CINA – Pechino. 14/5/13. Pechino, secondo Human Rights Watch, la Cina dovrebbe rimuovere sanzioni penali e amministrative nei confronti dei lavoratori di sesso che spesso subiscono gravi abusi da parte della polizia, il rapporto è stato editato martedì.

Secondo il rapporto gli abusi includono torture, percosse, aggressioni fisiche, multe e detenzioni arbitrarie di fino a due anni, così come un fallimento per indagare sui crimini contro i lavoratori di sesso da clienti, dirigenti e agenti dello Stato. La prostituzione non è ammessa dalla legge cinese, anche se l’industria del sesso è cresciuta da quando il paese ha avviato riforme economiche nel 1978. Human Rights Watch stima che tra i quattro e i sei milioni di persone sono impegnate nel lavoro del sesso in Cina, la stragrande maggioranza dei quali donne. I lavoratori del sesso sono anche sottoposti a test per l’HIV forzato, violazioni della privacy e maltrattamenti da parte dei funzionari della sanità. «In pratica, i lavoratori del sesso sono trattati come se non hanno diritti semplicemente perché sono i lavoratori del sesso», ha riferito Sophie Richardson, direttore Cina di Human Rights Watch. La corruzione della polizia è comune in Cina, dove la mancanza di stato di diritto a volte dà loro potere quasi illimitato. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hong Lei non ha voluto commentare il rapporto. Tuttavia, il governo ha emesso la sua carta annuale sui diritti umani, ripetendo linea standard della Cina che rispetta e protegge i diritti umani e che considera il miglioramento del tenore di vita una misura importante di questo.