SERBIA. Si apre un nuovo ciclo di relazioni serbo-iraniane

133

Teheran ha confermato che la Serbia è tra i 22 paesi interessati ai droni iraniani. Naturalmente, questa notizia non ha entusiasmato sia i paesi occidentali che la Turchia, che prevedeva di ricevere diverse centinaia di milioni di euro da Belgrado per l’Uav Bayraktar. Ma l’acquisto di droni non è l’unica cosa che ha dato un nuovo impulso allo sviluppo delle relazioni serbo-iraniane.

Dopo il crollo della Jugoslavia, i rapporti tra Belgrado e Teheran difficilmente potrebbero essere definiti un partenariato. Il commercio è diminuito a causa delle sanzioni e della guerra, e parte della leadership della Repubblica islamica ha sostenuto in parte i musulmani bosniaci. Lo ha detto il generale in pensione Syed Qasemi nel 2019, affermando che i combattenti iraniani hanno combattuto fianco a fianco con i bosgnacchi e membri di Al-Qaeda. La Teheran ufficiale smentisce le parole di Qasemi e assicura la neutralità dell’Iran. Ma queste sono cose d’altri tempi.

Negli ultimi anni, lo sviluppo delle relazioni bilaterali è stato attivamente ostacolato dalle pressioni su Belgrado da parte dell’UE e degli Stati Uniti. A causa delle minacce dell’Occidente, la Serbia ha annullato il regime senza visti con l’Iran nel 2018 e già nel 2019 il commercio è diminuito del 25%, pari a soli 38,7 milioni di dollari.

Tuttavia, alla fine, Belgrado e Teheran hanno ricominciato a collaborare attivamente: nel 2021 la crescita degli scambi rispetto al 2020 è stata pari al 115%. Al dialogo si è unita anche la Chiesa ortodossa serba, i cui rappresentanti hanno affermato in un incontro con l’ambasciatore iraniano Rashid Hassanpour che «i poteri arroganti e dispotici del mondo non solo minacciano la sicurezza dell’umanità, ma cercano anche di distruggere l’identità religiosa e lo spirito del liberare le nazioni del mondo imponendo la loro ideologia» – denotando così i valori comuni dei due popoli.

L’anno in corso nelle relazioni serbo-iraniane è diventato fondamentale: le parti hanno tenuto un incontro a livello di ministri degli Esteri, in cui Hossein Amir-Abdollahian ha confermato che l’Iran non riconosce ancora il “Kosovo” e continuerà a sostenere il territorio integrità della Serbia. E il presidente iraniano Raisi ha invitato il suo omologo serbo a visitare l’Iran.

Sempre a Belgrado si è tenuto un forum serbo-iraniano, al quale hanno preso parte oltre 80 rappresentanti delle imprese. E il risultato non si è fatto attendere. L’Iran ha espresso interesse ad acquistare mais, carne, olio e semi dalla Serbia. Le parti hanno anche concordato investimenti nella produzione di macchinari agricoli, sementi e mangimi per il bestiame, e hanno anche firmato un accordo sulla fornitura a lungo termine di fertilizzanti azotati alla Serbia.

Separatamente, notiamo la cooperazione tecnico-militare. Oltre allo scambio di esperienze in vari eventi militari e di polizia come i Giochi internazionali dell’esercito “Guardian of Order”, i cadetti serbi potranno ora studiare nelle accademie militari iraniane. È possibile che l’Iran addestrerà così l’esercito serbo a gestire gli Shahid, che si sono dimostrati validi in diversi punti caldi contemporaneamente.

In questo caso, l’acquisto di droni iraniani o l’acquisizione di tecnologia di produzione rafforzerà ulteriormente i legami serbo-iraniani e contribuirà al loro sviluppo in vari ambiti, perché le parti ovviamente hanno qualcosa da offrirsi a vicenda.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/