SERBIA. Pantsir S1 dalla Russia a Belgrado

136

La Serbia ha ricevuto nel fine settimana scorso la prima consegna di sistemi di difesa aerea Pantsir S1 di fabbricazione russa, nonostante gli avvertimenti di possibili sanzioni statunitensi contro lo Stato balcanico, che sta cercando di entrare nell’Unione Europea. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha fatto l’annuncio in televisione il 23 febbraio, il giorno dopo che il ministero della Difesa ha confermato di aver ricevuto due dei sei sistemi antiaerei a corto raggio e a fuoco rapido ordinati.

«La Serbia ha rafforzato le sue capacità difensive e deterrenti», ha dichiarato il ministero della Difesa in un comunicato, ripreso da Rferl. Vucic ha intimato che i sistemi a guida radar sono stati acquistati dopo i suggerimenti del presidente russo Vladimir Putin. «Comprate i Pantsir, hanno mostrato la loro ottima efficienza in Siria», aveva detto Putin a Vucic durante uno dei loro recenti incontri.

La consegna deriva da un accordo fatto l’anno scorso che prevede un radar per il rilevamento e la designazione dei bersagli, un radar per il rilevamento di bersagli e missili e sistemi di sensori elettro-ottici; ogni sistema Panstir è in grado di guidare fino a quattro missili alla volta; si tratta di un sistema destinato alla difesa contro missili da crociera, droni e aerei.

Nonostante cerchi formalmente l’adesione all’Ue ma non alla Nato, Belgrado ha mantenuto forti relazioni politiche ed economiche con Mosca. La consegna dei sistemi Pantsir è avvenuta meno di una settimana dopo la visita del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu a Belgrado, che ha elogiato la “tendenza al rialzo” dei due Paesi nella cooperazione in materia di Difesa.

La Serbia ha aumentato la spesa per la Difesa ogni anno dal 2016 e l’anno scorso ha speso per la difesa 906 milioni di dollari, ovvero il 28,7 per cento in più rispetto all’anno precedente, secondo l’Istituto internazionale di studi strategici, Iiss. Negli ultimi tre anni, l’esercito serbo ha acquistato dalla Russia cinque elicotteri Mi-17V-5, quattro elicotteri da combattimento Mi-35M e ha ricevuto sei aerei MiG-29 donati.

Inoltre, l’anno scorso la Serbia ha ricevuto dalla Russia 30 veicoli corazzati da combattimento, oltre ad altri 30 carri armati T-72. In ottobre, la Serbia ha tenuto esercitazioni militari aeree congiunte con la Russia in cui sono stati impiegati i sistemi a lungo raggio S-400 e Pantsir-S di fabbricazione russa.

Era la prima volta che un battaglione S-400 e una batteria Pantsir-S apparivano in esercitazioni militari al di fuori della Russia, aveva dichiarato all’epoca il ministero della Difesa russo.

Anna Lotti