SERBIA. Israele riconosce il KOSOVO. Belgrado non gradisce

106

Il ministro degli Esteri della Serbia, Nikola Selakovic, ha espresso il suo disappunto per la decisione di Israele di riconoscere il Kosovo, ex provincia serba, di cui Belgrado nega la statualità.

La reazione è arrivata, riporta Al Jazeera, un giorno dopo che Israele e Kosovo hanno stabilito legami diplomatici secondo un accordo mediato dagli Stati Uniti, segnando una vittoria per gli sforzi di Pristina per ottenere il pieno riconoscimento globale dell’indipendenza che ha dichiarato nel 2008 dopo una guerra con la Serbia negli anni Novanta del Novecento. «Abbiamo investito seri sforzi nelle nostre relazioni con Israele negli ultimi anni e non siamo contenti di questa decisione», ha detto il 2 febbraio il Ministro Selakovic all’emittente pubblica Rts.

La mossa di Israele «influenzerà senza dubbio le relazioni tra la Serbia e Israele», ha poi detto. La maggior parte dei paesi occidentali ha riconosciuto il Kosovo, ma il suo rifiuto da parte dei principali alleati della Serbia, Russia e Cina, lo ha visto bloccato fuori dalle Nazioni Unite. Fino al 1 febbraio, Israele è stata un’altra delle principali resistenze da parte di Belgrado.

Da quando hanno stabilito i legami nel 1991, i paesi hanno mantenuto buone relazioni con crescenti investimenti israeliani nel piccolo stato balcanico.

In cambio del riconoscimento di Israele, il Kosovo ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele, diventando il primo territorio a maggioranza musulmana a farlo.

Il ministro degli Esteri israeliano Gabi Ashkenazi ha confermato di aver approvato la «richiesta formale del Kosovo di aprire un’ambasciata» nella città.

Finora, solo gli Stati Uniti e il Guatemala hanno aperto ambasciate a Gerusalemme, mentre Serbia, Malawi e Honduras hanno precedentemente promesso di fare lo stesso. I piani dell’ambasciata del Kosovo hanno attirato le critiche della Turchia, con Ankara che ha detto che la mossa proposta viola le risoluzioni delle Nazioni Unite e il diritto internazionale.

Anna Lotti