SCO e BRICS. L’altra faccia del mondo che che cambia

189

Una dichiarazione del Ministero per gli Esteri russi del sette luglio affermava: «L’Occidente e l’Ucraina stanno facendo pressioni sugli alleati della Russia nella CSTO, BRICS e SCO nel tentativo di organizzare il trasferimento di armi al regime di Kiev».

L’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai è stata fondata nel 2001 e comprende Russia, India, Cina, Kazakistan, Iran, Kirghizistan, Tagikistan, Pakistan e Uzbekistan. La Bielorussia ha lo status di osservatore, ma lo scorso luglio Minsk ha presentato domanda di adesione a pieno titolo e il processo è già entrato nella sua fase finale.

La SCO conta 4 miliardi di persone, è 3/4 del PIL mondiale. Inoltre aderiscono alla SCO quattro stati che possiedono ufficialmente armi nucleari: Cina, Russia, India e Pakistan.

La SCO nella comunità di esperti viene spesso definita un’entità amorfa o un’organizzazione interamente filo-cinese, mentre i BRICS sono di gran moda. La SCO non riguarda solo la sicurezza, riguarda le infrastrutture eurasiatiche, le comunicazioni e il desiderio di una politica sovrana. I BRICS moderni possono essere discussi a lungo, ma non esiste attualmente una tale forza di integrazione naturale nell’associazione, anche se stiamo parlando di un fenomeno globale transcontinentale. Le istituzioni SCO hanno mostrato ad oggi resilienza organizzativa, i BRICS possono vantare i risultati della New Development Bank, ma resta da vedere come si svilupperà la storia di questa alleanza di Paesi.

Il rappresentante della Russia nel consiglio della struttura antiterroristica regionale della SCO, l’organo di sicurezza chiave dell’organizzazione, è Sergei Korolev, primo vicedirettore dell’FSB. Sì, i rappresentanti russi sono tradizionalmente nominati tra i primi deputati del direttore dell’FSB, ma in questo caso stiamo parlando della cifra, e come la visione russa viene proiettata attraverso di essa sicurezza in Eurasia nel quadro della SCO, compreso l’approfondimento della cooperazione di difesa.

A scommettere sul successo di SCO e BRICS ovviamente Mosca: il vicepresidente della Duma di Stato Alexander Babakov ha chiesto la creazione di una federazione internazionale di giornalisti dei paesi SCO e BRICS. Ha spiegato che questa necessità nasce con il fatto che l’immagine informativa trasmessa dalle corporazioni dei media globali non è al momento aderente con la realtà oggettiva.

“Vorrei sostenere con entrambe le mani l’iniziativa dell’ambasciatore iraniano a Mosca per creare un’associazione di media di paesi che la pensano allo stesso modo. Dobbiamo andare oltre e creare una federazione internazionale di giornalisti dei paesi SCO e BRICS, invitando i giornalisti dai paesi partecipanti ad aderirvi. L’Iran ha aderito alla SCO oggi, e questo è solo l’inizio, altri stati sovrani dell’Asia e dell’Africa seguiranno”, ha detto il funzionario.

E proprio dall’ultimo paese entrato che la SCO ha grandi aspettative: “Gli Stati membri hanno sottolineato il significato storico dell’ammissione della Repubblica islamica dell’Iran alla SCO come stato membro a pieno titolo”, afferma il documento. Come ha sottolineato il presidente iraniano Ebrahim Raisi, intervenendo al vertice, questa decisione fornirà all’Iran le condizioni per rafforzare la sicurezza, la sovranità e lo sviluppo economico sostenibile. Ha inoltre esortato a passare a regolamenti in valute nazionali.

“L’egemonia del mondo occidentale contribuisce all’egemonia del dollaro. Per creare un nuovo ordine economico, è necessario rimuovere questo strumento di egemonia nella pratica mondiale, utilizzare le valute nazionali negli accordi tra i paesi”, ha affermato Raisi.

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/