Manama: sciolto gruppo religioso sciita

104

BAHREIN – Manama. 30/01/14. Un tribunale del Bahrein ha ordinato lo scioglimento di un gruppo di sciiti religiosi musulmani, ieri, dichiarandolo illegale in una sentenza che potrebbe danneggiare gli sforzi di riconciliazione per porre fine a disordini politici nell’isola regno.

 

La decisione del tribunale arriva poche settimane dopo la riapertura dei colloqui di riconciliazione tra la famiglia regnante sunnita e l’opposizione sciita.

Il Bahrain è stata colpito da disordini civili a partire 2011 quando i manifestanti prevalentemente sciiti sono scesi in piazza chiedendo riforme democratiche.

Il giudice ha detto che il Consiglio studiosi islamici, che si trova vicino al principale gruppo di opposizione sciita al- Wefaq, non è stata ufficialmente registrata nello stato arabo del Golfo. Il Ministro dell’Informazione Sameera Rajab ha detto di aver adottato un provvedimento contro quello che è gruppo politico e settario pericoloso.

«Il gruppo che compone il consiglio include chierici politici che usano il pulpito religiosa per incitamento politico e confessionale», ha detto alla Reuters. Rajab ha detto al canale di notizie pan-araba al-Arabiya che la sentenza non dovrebbe fermare il dialogo con l’opposizione.

La sentenza è stata criticata dall’opposizione che ha accusato i sostenitori della linea dura della famiglia regnante Al- Khalifa di rovinare i tentativi di riconciliazione.

Sheikh Ali Salman, segretario generale del Wefaq, ha detto che la decisione avrà un effetto negativo su tutti i tentativi di andare avanti con il processo di riconciliazione. Il gruppo si difende sostenendo che non è un gruppo politico ma ha solo fatto commenti generali su temi come l’unità nazionale e le esigenze del pubblico. Si tratta di circa 130 persone ed è stato istituito circa cinque anni fa.

In Bahrain le proteste sono quasi quotidiane e gli scontri tra manifestanti e la polizia sono continuate, manifestazioni che si estendono in tutta la regionale per l’influenza tra potere sciita Iran e pesante sunnita Arabia Saudita.