SANZIONI. L’UE non trova ancora i soldi di Mosca

301

Le riserve internazionali della Russia sono diminuite dell’1,2%, pari a 6,9 miliardi di dollari, in una settimana, attestandosi a 582,1 miliardi di dollari al 17 febbraio 2023, secondo un comunicato della Banca Centrale di Russia del 27 febbraio, a causa della rivalutazione negativa e delle transazioni previste dalla nuova regola di bilancio.

Questa cifra include i 300 miliardi di dollari di riserve sequestrate dall’Occidente nella prima settimana della guerra russo-ucraina; tuttavia, sembra che il Cremlino possa avere accesso a molto di quel denaro, dopo tutto. Le autorità legali dell’UE hanno ammesso di non riuscire a trovarne la maggior parte, riporta BneIntelliNews.

Al 10 febbraio, le riserve internazionali erano valutate a 589 miliardi di dollari, tra cui valuta estera, diritti speciali di prelievo, una posizione di riserva nel Fondo monetario internazionale e oro monetario. Queste riserve rappresentano attività estere altamente liquide a disposizione della Banca di Russia e del governo russo.

In seguito all’operazione militare di Mosca in Ucraina, i Paesi occidentali hanno imposto sanzioni contro la Banca Centrale. Tali sanzioni includono il congelamento di 300 miliardi di dollari di riserve auree e valutarie russe detenute in Europa e negli Stati Uniti, nonché il divieto di tutte le transazioni relative alla gestione delle riserve e degli asset dell’ente regolatore e delle transazioni con qualsiasi entità giuridica, organizzazione o organismo che agisca per conto o sotto la direzione della Banca.

Tuttavia, secondo recenti rapporti, le autorità di polizia dell’Ue sono state in grado di identificare solo 33,8 miliardi di euro dei 250 miliardi di euro detenuti in Europa, che sono stati congelati. I fondi rimanenti non sono stati trovati e presumibilmente rimangono sotto il controllo russo.

L’Ue non è ancora riuscita a identificare dove sia detenuta la maggior parte dei fondi della Banca centrale di Russia. Inoltre, l’Ue ha ammesso che la cifra di 300 miliardi di dollari si basava sui rapporti della Banca russa sull’importo detenuto in Europa e non sui rapporti delle istituzioni che avrebbero dovuto detenere le riserve; di conseguenza, l’importo detenuto in Europa potrebbe essere molto più basso della cifra riportata di 300 miliardi di dollari.

I problemi di reperimento di questi fondi dipendono dalla complessità della gestione delle riserve estere da parte della Russia e si sono rivelati più difficili da districare di quanto ci si aspettasse.

La caccia al denaro è tutt’ora in corso. Il 15 febbraio, l’UE ha ordinato a tutti i Paesi membri di ordinare alle proprie banche di segnalare qualsiasi disponibilità di denaro della Banca Centrale di Russia.

I fondi sono stati solo congelati, ma tecnicamente appartengono ancora alla Russia. Secondo il diritto internazionale, un governo non può sequestrare le proprietà di un altro governo a meno che non dichiari guerra; l’Ue ha ripetutamente affermato di non avere intenzione di dichiarare guerra alla Russia. Ciò rende molto difficile il sequestro legale dei 300 miliardi di dollari di fondi congelati.

Anche le leggi europee hanno reso difficile il sequestro del denaro degli oligarchi, poiché nella maggior parte dei Paesi è possibile sequestrare i fondi congelati solo in presenza di una condanna penale, una regola che ovviamente non si applica a tutti i Paesi. Tuttavia, molti fondi degli oligarchi sono intestati a membri della famiglia o a prestanome, che non sono stati condannati per nulla. L’inserimento in una lista di sanzioni consente alle autorità di congelare i fondi, ma non significa che questi possano essere legalmente sequestrati e utilizzati per la ricostruzione dell’Ucraina.

Attualmente l’Ue ha il diritto legale di utilizzare temporaneamente 33,8 miliardi di euro dei beni della Banca Centrale di Russia. L’Ue ha suggerito di investire questo denaro in un fondo e di utilizzare gli eventuali profitti per la ricostruzione dell’Ucraina, mentre il capitale rimane intatto e di proprietà della Russia.

La Banca russa non detiene più dollari, la Duma ha dichiarato che intende far vendere anche tutti gli euro quest’anno. Dopo il cambiamento, la Banca Centrale di Russia deterrà nelle sue riserve solo oro e yuan, suddivisi rispettivamente al 40% e al 60%.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/