SANZIONI. L’Africa ha fatto incetta del diesel russo

209

Le nazioni africane hanno incrementato l’importazione di prodotti petroliferi russi, comprese le esportazioni di diesel, a gennaio, prima dell’imposizione dell’ultimo ciclo di sanzioni sui prodotti petroliferi russi. Le prospettive per il successo delle sanzioni sui prodotti petroliferi dell’Ue rimangono molto confuse mentre il mercato corre a ricostruirsi di fronte alle nuove realtà.

La Russia è stata costretta a rivedere la sua attività di esportazione di petrolio dopo che l’Ue ha vietato tutte le importazioni di greggio il 5 dicembre e allo stesso tempo ha seguito il lancio e il regime del prezzo del petrolio. La seconda fase delle sanzioni energetiche è appena entrata in vigore, quando l’Ue ha vietato tutte le importazioni di prodotti petroliferi il 5 febbraio e ha imposto un simile regime di prezzo massimo a questi prodotti molto più diffusi.

Il diesel è uno dei più importanti. L’Ue ha continuato a ricevere più di un quarto delle sue importazioni di gasolio (circa 612.000 barili al giorno) dalla Russia a gennaio, mentre il blocco rappresentava circa il 41% del mercato di esportazione russo a gennaio e ora deve trovare nuovi acquirenti.

In previsione del rifacimento del mercato del diesel, la Turchia e diversi paesi africani hanno aumentato notevolmente le loro importazioni di diesel russo. Gli analisti affermano che questi paesi renderanno anonimo questo diesel e lo venderanno ai clienti in Europa e oltre attraverso vari mezzi, come mescolarlo con altri diesel o perfezionarlo ulteriormente.

Gli analisti di Kpler hanno ipotizzato che le nazioni africane, molte delle quali sostengono la Russia o almeno rimangono neutrali, consumeranno più diesel russo o lo esporteranno nell’Ue. Inoltre, l’UE inizierà anche a rifornirsi di gasolio da paesi più lontani, come Stati Uniti e Asia.

L’India è diventata anche un’importante stazione di passaggio sulle rotte circolari del greggio e dei prodotti russi che sono costretti a seguire per raggiungere i loro clienti tradizionali e di nuova acquisizione. L’India ha importato più greggio russo che mai a gennaio, che ha raffinato e venduto all’UE e agli Stati Uniti, nonostante il divieto di importazione di petrolio “russo” e dei suoi prodotti. L’India ha importato tra 1,27 e 1,42 milioni di barili al giorno di greggio russo, che costituiva il 28% delle forniture indiane a gennaio, il più alto mai registrato. Due anni fa, l’India non ha importato quasi nessun petrolio dalla Russia.

Allo stesso modo, le raffinerie private della Cina hanno aumentato in modo massiccio le loro importazioni di greggio russo e stanno vendendo i prodotti raffinati anche a clienti negli Stati Uniti e nell’UE. Gli analisti temono un calo combinato delle forniture russe di diesel a causa delle sanzioni che si aggiungono a un rimbalzo economico cinese che fa aumentare la domanda lì mentre l’economia emerge da un anno di blocco Covid.

Le esportazioni di diesel e cherosene in Europa sono aumentate di un quarto negli ultimi tre mesi del 2022 rispetto al trimestre precedente, poiché l’Europa ha anticipato possibili problemi di approvvigionamento dopo l’entrata in vigore del divieto del 5 febbraio. Le scorte di diesel nella regione Anversa-Rotterdam-Amsterdam sono salite al livello più alto dall’ottobre 2021, secondo FT.

Le scorte di gasolio sono già scarse, tanto da spingere i prezzi alla pompa ben al di sopra della benzina in molte regioni. I paesi europei sono tra i maggiori utilizzatori mondiali di diesel rispetto ad altri carburanti per motori, riferisce il Financial Times. Tuttavia, molti paesi europei hanno creato un cuscinetto accumulando gasolio prima del divieto sui prodotti, che è stato telegrafato con largo anticipo.

Ora l’Africa sta emergendo come un’altra importante stazione di passaggio. Già si è assistito a un aumento dei volumi diretti in Africa a gennaio verso paesi tra cui Senegal, Marocco, Tunisia e Libia.

Poco prima della decisione dell’Ue di vietare le importazioni di prodotti petroliferi russi, Turchia e Marocco si distinguono già come i più importanti importatori di prodotti petroliferi russi.

La Turchia ha importato 213.000 barili al giorno di diesel russo a dicembre, raggiungendo il livello più alto dal 2016, secondo Vortexa Ltd. Una tendenza simile è stata osservata in Marocco, che ha anche notevolmente aumentato le importazioni di diesel dalla Russia.

Attualmente, la Russia è il principale fornitore dell’Ue e l’aumento delle importazioni da Marocco e Turchia per la riesportazione nell’Ue non sarà sufficiente a compensare le perdite della Russia quando sono cessate le importazioni europee.

Tuttavia, il mercato dei prodotti petroliferi è diventato molto opaco. Oltre al diesel, la Russia produce una gamma di altri prodotti raffinati, tra cui carburante per aerei e olio combustibile, che richiedono limiti di prezzo separati per ciascuno, e con elevata probabilità la Russia offrirà sconti anche su questi prodotti per trovare nuovi acquirenti.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/