SANZIONI. Il petrolio russo viene acquistato dalle società cinesi

42

I gruppi energetici statali cinesi continuano ad acquistare petrolio greggio e gas naturale dalla Russia, hanno detto i dirigenti delle società interessate, nonostante le sanzioni occidentali.

PetroChina, la principale filiale quotata della China National Petroleum Corp., Cnpc, ha acquistato 40 milioni di tonnellate di petrolio greggio e 22,7 miliardi di metri cubi di gas naturale dalla Russia lo scorso anno, ha detto mercoledì il presidente di PetroChina Huang Yongzhang, riporta Nikkei. L’acquisto, ha detto Huang, “ha seguito ed eseguito il nostro contratto a lungo termine con il nostro partner russo”.

Huang si riferiva all’accordo di importazione trentennale firmato dalla Cnpc e da Gazprom nel maggio 2014, durante la visita di stato del presidente Vladimir Putin a Pechino. Il primo flusso di gas è arrivato in Cina nel dicembre 2019 attraverso un nuovo gasdotto siberiano che porta alla provincia cinese nordorientale di Heilongjiang.

Le due parti hanno concordato la costruzione di un nuovo gasdotto nel febbraio 2022, poche settimane prima dell’invasione russa dell’Ucraina.

La Cnpc ha anche un accordo con la più grande compagnia petrolifera statale russa, Rosneft, firmato nel febbraio 2009, per ricevere greggio per 20 anni. Un gasdotto che fornisce la miscela Espo della Siberia Orientale all’Heilongjiang ha iniziato a funzionare nel 2011.

Nell’ultima mossa, nel febbraio 2022 le due società hanno anche concordato una fornitura di 100 milioni di tonnellate attraverso il Kazakistan in 10 anni.

Huang ha riconosciuto la “enorme attenzione” sulle importazioni cinesi di gas naturale e petrolio russo. Per quanto riguarda la valuta utilizzata da PetroChina per pagare queste importazioni, Huang ha affermato che l’accordo era conforme ai contratti e probabilmente erano per la gran parte in yuan.

China Petroleum & Chemical, o Sinopec Group, un altro gruppo petrolifero di proprietà statale, ha effettuato acquisti spot di petrolio russo. Yu Baocai, presidente di Sinopec, la principale unità quotata in borsa del gruppo Sinopec, ha detto che “ci siamo procurati del petrolio greggio” dalla Russia.

Yu ha affermato che ciò è stato fatto per “diversificare” le fonti e che l’importo era “estremamente basso” rispetto all’approvvigionamento complessivo di greggio del gruppo. Anche l’uso dello yuan per gli insediamenti è “molto ridotto”, ha poi detto. La principale filiale di Sinopec, Sinopec Shanghai Petrochemical, ha rivelato in precedenza di aver acquistato più di 500.000 tonnellate di petrolio greggio dalla Russia durante la seconda metà dello scorso anno. Per ora, l’azienda fa affidamento sul Medio Oriente come principale fonte di greggio, ma “ogni volta che la situazione del petrolio mediorientale non sarà ideale, andremo in altre regioni per ottenere greggio”, ha detto Du.

Nel 2023, la quota degli acquisti di greggio dal Medio Oriente è scesa di 6 punti al 69,44%, mentre quella dalle Americhe e dall’Africa è aumentata rispettivamente di 6 e 7 punti, arrivando a un totale di circa il 25% dell’intero approvvigionamento.

Le importazioni cinesi di petrolio greggio russo sono balzate a un livello record nel 2023, superando quelle dell’Arabia Saudita. 

Nel frattempo, il nuovo progetto sul gas naturale che coinvolge Cnooc, l’unità principale quotata in borsa della China National Offshore Oil Corp. di proprietà statale, ha registrato delle difficoltà a causa delle sanzioni statunitensi.

“In effetti, vengono imposte sanzioni su alcuni dei nostri progetti, e alcuni dei nostri progetti stanno incontrando sfide”, ha detto Xu Yugao, segretario del consiglio di amministrazione della Cnooc sullo stato del progetto Arctic LNG-2 in Siberia. Xu ha affermato che la società è stata in “stretta comunicazione con i suoi partner, al fine di gestire in modo appropriato” la questione. Il progetto è guidato dalla società russa di gas naturale Novatek, che possiede una quota del 60%, mentre Cnooc e Cnpc detengono ciascuna il 10%. Le restanti quote sono detenute in parti uguali dal gruppo energetico francese TotalEnergies e da un consorzio giapponese formato da Mitsui & Co. e dall’Organizzazione giapponese per i metalli e la sicurezza energetica, o Jogmec.

Nel frattempo, gli investimenti totali delle tre principali compagnie petrolifere statali quotate in Cina sono destinati a diminuire per la prima volta in quattro anni, a causa del calo delle entrate e delle prospettive economiche incerte.

Le spese in conto capitale aggregate previste da PetroChina, Sinopec e CNOOC ammontano a un totale compreso tra 556 e 566 miliardi di yuan per il 2024. Questo è dal 3% al 4% in meno rispetto al livello dello scorso anno di 581,7 miliardi di yuan. Dopo aver toccato un recente minimo nel 2020, le spese di spesa totali del trio erano aumentate su spinta del governo cinese con il pretesto della sicurezza energetica.

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/