SANZIONI. I russi invadono le Maldive

150

Le Maldive sono in vantaggio rispetto ad altre destinazioni asiatiche in termini di attrazione di turisti sulla scia della pandemia, grazie anche a frotte di viaggiatori provenienti dalla Russia che sono stati bloccati da molti Paesi dopo l’invasione dell’Ucraina.

Oltre 523.000 turisti stranieri hanno visitato l’isola tropicale nel primo trimestre di quest’anno, con un aumento dell’8,5% rispetto allo stesso periodo del 2019 e rendendo le Maldive una delle prime nazioni in cui gli arrivi hanno superato i livelli pre-pandemia, riporta Nikkei.

I cittadini russi hanno rappresentato la fetta più grande di questi visitatori con 65.060 arrivi, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2019. Le Maldive non sono state un punto caldo per i russi fino al 2021, quando la più piccola nazione dell’Asia meridionale ha contrastato la tendenza globale a tenere aperti i suoi aeroporti al culmine dell’ondata delta del coronavirus.

La popolarità delle Maldive è rimasta anche quando la pandemia si è attenuata, soprattutto dopo che l’Europa e il Nord America hanno vietato ai voli russi di sorvolare il loro spazio aereo in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca lo scorso anno. Ciò ha reso difficile per i vacanzieri russi raggiungere alcune delle loro destinazioni preferite in Europa.

A differenza delle nazioni europee, i Paesi del Sud e del Sud-Est asiatico hanno mantenuto le porte aperte ai turisti russi. L’Aeroflot, la compagnia di bandiera russa, vola regolarmente tra Mosca e l’aeroporto internazionale Velana delle Maldive.

In Sri Lanka, un turista internazionale su cinque era russo nei primi quattro mesi di quest’anno, più di qualsiasi altro Paese. I 95.000 visitatori russi del periodo sono stati 43.000 nello stesso periodo del 2019.

Nello stesso periodo, i russi hanno rappresentato l’8% degli arrivi turistici in Thailandia con oltre 682.000 visite, al terzo posto dopo i malesi e i cinesi. Inoltre, hanno effettuato 21.631 visite in Cambogia a gennaio e febbraio, quasi 70 volte in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Per il Vietnam, invece, il numero di visitatori russi è diminuito significativamente dopo che il Paese ha sospeso i voli diretti con Mosca. Circa 45.000 persone sono arrivate dalla Russia nei primi quattro mesi, in calo rispetto alle 274.000 dello stesso periodo del 2019.

La Cina era un tempo una delle principali fonti di turisti per questi Paesi, ma la sua severa politica di zero-covid ha smorzato l’entusiasmo delle persone per l’estero. La nazione ha infine riaperto le frontiere a gennaio, ma da allora la ripresa del turismo in uscita è stata tiepida.

I cinesi hanno effettuato 17.691 viaggi alle Maldive nei primi tre mesi del 2023, meno di un quarto del livello registrato nello stesso periodo del 2019.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/