SALUTE. Le cellule staminali ci dicono se stiamo bene

106

Le cellule staminali tornano sotto i riflettori della ricerca medico-scientifica e dell’opinione pubblica.

È proprio di questi giorni l’annuncio, che arriva da Milano in occasione del convegno organizzato per la presentazione del progetto Fitness&Staminal, secondo il quale le stem cells possono essere utilizzate come indicatori del benessere della persona.

In altre parole, la via per rimanere sani e in perfetta forma passa da un banale prelievo ematico.

“Un percorso adatto a tutte le fasce d’età e che ben si conforma alle caratteristiche di ognuno. Può essere utile – spiega il professor Eugenio Caradonna, presidente della SIMCRI (Società Italiana di Medicina e Chirurgia Rigenerativa Polispecialistica) – tanto agli sportivi quanto alle donne in menopausa”.

È sufficiente analizzare il sangue umano così da misurarle e agire di conseguenza perché crescano in numero. E ciò grazie ad una corretta pianificazione dell’attività fisica, buoni stili di vita, fisioestetica e singoli step a base di nutraceutici.

Proprio alla nutraceutica, disciplina a recente sviluppo, si deve, infatti, il potere di un maggior equilibrio dell’organismo. Equilibrio raggiunto attraverso il consumo di alcuni alimenti; capaci altresì d’incidere sull’effettiva riduzione di alcune malattie piuttosto frequenti – vedi ipertensione e ipercolesterolemia – e ritardare, fino a 15 anni, il naturale “decadimento” del corpo.

Le staminali – chiarisce il professor Caradonna – da tempo riconosciute il motore rigenerativo dell’organismo umano, si trovano sia nel sangue che nei tessuti (leggi muscoli) e sono responsabili della loro funzionalità. Risultano fortemente correlate all’invecchiamento nonché all’insorgenza di patologie a carico dell’apparato cardiovascolare o di tipo neurodegenerativo. Allo stesso modo della glicemia e del colesterolo, è possibile contarle e scoprire se stiamo bene e darci da fare per migliorare il nostro status psico-fisico. Da lì in avanti si potrà poi definire un programma personalizzato allo scopo d’incrementarle. E durante lo stesso percorso saranno via via effettuate altre misurazioni con l’obiettivo di monitorare i progressi ottenuti.

Il programma è oggi disponibile all’interno della sede del Centro di Medicina e Chirurgia Estetica “Care Clinic”, l’unico in Italia accreditato dalla SIMCRI per il progetto Fitness&Staminal.

“Convalidiamo solamente le strutture che rispondono a precisi criteri di autorevolezza, serietà e tecnologia – aggiunge il presidente – in quanto ogni servizio offerto è basato su rigorosi protocolli scientifici. Il concetto di rigenerazione è fondamentale nella medicina estetica. Iniziamo da Milano ma presto amplieremo le opportunità: a breve al Mediterraneo Medical Center di Taranto”.

“La nutrizione – fa eco il dottor Ettore Novellino, ordinario di Chimica Farmaceutica e Tossicologia all’Università Cattolica di Roma e coordinatore del team nutrizionale del programma – è pilastro indiscutibile del benessere. La nutraceutica agisce sulla biology resolution: ovvero l’abilità nel risolvere piccoli inconvenienti di salute senza far ricorso ai farmaci. Alla persona verrà indicato un percorso nutrizionale incentrato su questi particolari alimenti, selezionati allo scopo di rispondere alle sue effettive necessità”.

Marco Valeriani