Saipem sviluppa Scpx

90

AZERBAIJAN – Baku 27/05/2014. Gran parte dei contratti del gasdotto tra Azerbaijan ed Europa sono ora stati assegnati.

Lo ha annunciato il presidente regionale della BP per Azerbaijan, Turchia e Georgia, Gordon Birrell. BP e il Compagnia del gasdotto del Caucaso meridionale (Scpc) hanno assegnatio contratti per 735 milioni di dollari per la costruzione di più di 300 chilometri di condotte e relative infrastrutture in Azerbaigian e Georgia a un gruppo guidato da una joint venture tra la società italiana Saipem e Azfen che è una joint venture tra Saipem Contracting Netherlands BV e l’azera Azfen JV.
«Abbiamo assegnato la maggior parte dei contratti del gasdotto del Caucaso meridionale e degli impianti associati in Azerbaigian e in Georgia», ha detto Birrell in un comunicato rilasciato il 26 maggio «Questo è un enorme progresso (…) Siamo lieti che sia la fase 2 di Shah Deniz e i progetti Scpx si muovano in tutti i settori. Il lavoro è iniziato presso i cantieri per la fabbricazione della componentistica, nonché presso i siti dei terminali a terra. Le attività di perforazione offshore continuano con successo utilizzando gli impianti Istiglal e Heydar Aliyev con cinque pozzi di produzione già realizzati e pronti per fine 2018».
Il presente contratto include:
• la costruzione di 428 km di gasdotto e le installazioni di terra, tra cui valvole di blocco, un impianto di pig e tie- ins in Azerbaigian e in Georgia.
• la costruzione di 59 km gasdotto e strutture associate sopra le installazioni di terra in Georgia.
Il valore di questo contratto è di 735 milioni di dollari e segna un importante passo avanti verso l’ avvio delle attività di costruzione del Scpx. L’inizio dei lavori è previsto per gennaio 2015 con il completamento meccanico della sezione georgiana prevista entro la fine del 2016 e la sezione Azerbaijan entro la fine del 2017.