RUSSIA. Yandex si vuole “de-russificare”

144

Il Consiglio di amministrazione di Yandex ha annunciato di aver «avviato un processo strategico per esaminare le opzioni di ristrutturazione della proprietà e della governance del gruppo», citando «l’attuale contesto geopolitico».

In particolare, il Consiglio di amministrazione ha confermato che esplorerà le opzioni «per consentire lo sviluppo di alcuni servizi, tra cui le divisioni internazionali delle tecnologie di guida autonoma e del cloud computing, in modo indipendente dalla Russia», cedendo potenzialmente anche tutte le altre attività, tra cui la ricerca e la pubblicità, la mobilità, l’e-commerce, la consegna di cibo, la consegna, i servizi di intrattenimento e altri in Russia e nei mercati internazionali.

In parole povere, il progetto prevede che la casa madre olandese cercherà di cedere l’intera attività russa, insieme a una serie di asset internazionali collegati, tra cui i servizi di taxi, mobilità e consegna, presenti anche in Asia centrale, Africa e Medio Oriente. La casa madre manterrà quattro start-up internazionali: tecnologie di guida autonoma, cloud computing, ed-tech e data labeling, scommettendo sul fatto che tutte hanno un potenziale globale significativo se riusciranno a tagliare i legami con la Russia.

La dichiarazione di venerdì del Consiglio di amministrazione non ha fornito molti dettagli sulle modalità di attuazione della ristrutturazione. Tuttavia, il Consiglio di amministrazione si riunirà questa settimana a Istanbul e la questione sarà al centro dell’ordine del giorno.

Anche se gli azionisti avranno l’ultima parola sulla ristrutturazione, nell’attuale contesto internazionale transazioni di questa natura necessitano anche dell’approvazione politica. È qui che entra in gioco Alexey Kudrin. Kudrin, uno dei pochi esponenti di spicco del mercato liberale e occidentale rimasti in Russia, ha molto valore da apportare a Yandex in questo contesto. Soprattutto, capirebbe il valore di mantenere Yandex indipendente dallo Stato, ma allo stesso tempo ha l’accesso e la credibilità per ottenere il consenso politico del presidente – probabilmente l’unica persona rimasta in Russia in grado di farlo.

Secondo una fonte che ha familiarità con la questione, Kudrin, che sta consigliando il Consiglio di amministrazione a titolo personale e informale, è riuscito la scorsa settimana a concordare che la Yandex ristrutturata debba rimanere una società indipendente, il più possibile libera dal controllo statale.

L’ultima serie di risultati trimestrali dell’azienda suggerisce che l’attività russa sottostante rimane forte, con un aumento del 46% del fatturato totale rispetto all’anno precedente, a 133 milioni di rubli. Non c’è alcuna indicazione che Yandex 2.0, dopo la ristrutturazione, voglia ridurre la sua presenza nei circa 20 Paesi dell’Asia centrale, dell’Africa e del Medio Oriente in cui possiede delle attività, tra cui il nuovo servizio Yandex Taxi a Dubai.

Detto questo, la classificazione della maggior parte dei Paesi occidentali come “Paesi non amici” da parte del Cremlino significa che il gigante tecnologico russo può probabilmente aspettarsi di ricevere un “benvenuto non amichevole” in quei Paesi per gli anni a venire.

Nel frattempo, le start-up internazionali che si staccheranno dall’azienda russa saranno raggruppate sotto un’entità olandese ridenominata, secondo i piani del Consiglio di amministrazione. L’intenzione è che la società tecnologica internazionale abbia sede ad Amsterdam, con le sue principali strutture di R&S in Israele e in Europa.

Poco prima dell’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, l’azienda di auto a guida autonoma, una delle aziende leader a livello mondiale, era stata lanciata con successo in Occidente, con piani per andare oltre. La guerra ha inevitabilmente portato a un brusco arresto di questi piani, che l’azienda spera sia solo temporaneo.

Per quanto riguarda il Cloud, questo settore è attualmente dominato da operatori statunitensi e cinesi; i funzionari dell’UE potrebbero vedere l’offerta olandese come un’opportunità per l’Europa di sviluppare un proprio operatore Cloud “nostrano”.

Un problema persistente per il futuro business internazionale è il fatto che il cofondatore di Yandex, Arkady Volozh, il leader naturale dell’azienda, rimane sanzionato dall’UE. La decisione di sanzionare Volozh ha colto di sorpresa la comunità imprenditoriale.

Volozh, informatico di formazione, ha lasciato la Russia dopo l’annessione della Crimea e da allora si è concentrato prevalentemente sui progetti internazionali del gruppo. Pur essendo un personaggio estremamente riservato, Volozh non ha legami evidenti con il Cremlino e non ha visitato la Russia dall’inizio della guerra. A giugno, dopo essere stato sanzionato dall’UE e dalla Svizzera, Volozh si è dimesso dalla sua posizione esecutiva all’interno del Gruppo e ha rinunciato a tutti i diritti di voto.

Sebbene le intenzioni finali del Consiglio di amministrazione per il futuro del gruppo siano più o meno chiare, l’esecuzione non sarà semplice. Ma qualunque siano le proposte del Consiglio, saranno i circa 10.000 azionisti pubblici di Yandex a decidere in ultima istanza il destino della società.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/