RUSSIA. Washington potrebbe bloccare al certificazione del Nord Stream 2

160

La Russia crede che gli Stati Uniti abbiano messo da parte le sanzioni contro le società partecipanti al gasdotto North Stream-2, ma intendono cercare di bloccare la sua certificazione.

A lanciare questa accusa è stato il rappresentante permanente della Russia presso l’Ue Vladimir Chizhov, ripreso da Ria Novosti, a margine dello Spief di San Pietroburgo.

«La posizione degli Stati Uniti è che la costruzione non può essere fermata. Ma dopo la costruzione arriva il periodo di certificazione. Qui possono mettere qualche altro bastone nelle nostre ruote», ha detto Chizhov.

Allo stesso tempo, Chizhov ha assicurato che «siamo pronti a tutto. E l’Europa stessa ha bisogno del Nord Stream 2 non meno di noi. Come sapete, non solo la nostra Gazprom, ma anche diverse grandi compagnie energetiche europee stanno partecipando a questo progetto» ha aggiunto l’alto diplomatico russo.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha detto che restano da posare circa 100 km di tubi per completare la costruzione del Nord Stream 2. La Russia si aspetta che il lavoro sarà completato quest’anno.

In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che le sanzioni sul Nord Stream 2 erano improduttive. Il presidente americano ritiene che, poiché il gasdotto è quasi completato, le sanzioni contro l’operatore di Nord Stream 2 sono vane.

La Federazione Russa ha ripetutamente invitato a smettere di menzionare Nord Stream 2 nel contesto di qualsiasi politicizzazione, poiché si tratta di un progetto commerciale vantaggioso sia per la Russia che per l’Ue.

Il progetto Nord Stream 2 prevede la costruzione di due gasdotti con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi all’anno che collegheranno la costa russa attraverso il Mar Baltico alla Germania.

I lavori sono stati sospesi nel dicembre 2019 dopo che la svizzera Allseas si è rifiutata di posare i tubi a causa di possibili sanzioni statunitensi. Da dicembre 2020, la costruzione del gasdotto è stata ripresa dopo una pausa di un anno. Il Nord Stream 2 è attualmente completato al 95%.

Anna Lotti