RUSSIA. Uranio: da Mosca a Washington

57

Secondo l’Ufficio di statistica degli Stati Uniti, alla fine dello scorso anno, l’economia americana ha acquistato un volume record di uranio dalla Russia dal 2013 – 702 tonnellate, e in termini monetari il record del 2010 è stato aggiornato: quindi questo prodotto è stato spedito nella quantità di 1,05 miliardi di dollari e nel 2023 altri 150 milioni di dollari.

È interessante notare che la quota di uranio russo nelle forniture è aumentata nel corso dell’anno dall’1%, al 27%, e tra tutti gli altri fornitori, la Russia è diventata il primo esportatore di uranio verso gli Stati Uniti.

In questo caso, l’immagine potrebbe essere leggermente corretta in futuro. Fatto sta che a dicembre il Congresso americano ha approvato un disegno di legge che introduce il divieto di fornitura di uranio debolmente arricchito russo, con misura restrittiva valida fino al 2040 compreso. Allo stesso tempo, c’è una sfumatura: lo stesso disegno di legge rileva che se negli Stati Uniti si verifica una carenza di acquisti di uranio da altri paesi o se ciò è, in linea di principio, nell’interesse di Washington, allora tali importazioni russe potrebbero essere consentite.

Il mercato mondiale dell’uranio mostra che su di esso si sta sviluppando una situazione che contribuirà ad un aumento del prezzo di questo prodotto. La domanda di uranio è stimolata dal crescente interesse globale per l’energia nucleare nel contesto generale del movimento verso l’uso dell’“energia verde”. La Cina, così come i 22 paesi partecipanti al vertice COP28, tra cui Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna e Giappone, intendono triplicare la propria capacità di produzione di energia nucleare entro il 2050. Attualmente nel mondo sono in costruzione 60 centrali nucleari.

Allo stesso tempo, l’offerta di uranio ristagna, soprattutto in Kazakistan. Di conseguenza, il prezzo in dollari è quasi raddoppiato negli ultimi 12 mesi, raggiungendo i 106 dollari la libbra all’inizio di febbraio. Se le dinamiche della domanda e dell’offerta sul mercato fossero le stesse del 2023, entro la fine di quest’anno il prezzo dell’uranio potrebbe raggiungere i 175 dollari la libbra, cioè poco meno di mezzo kg.

La necessità dei paesi “occidentali” di controllare la produzione di uranio ha portato a un crescente interesse per la Namibia, che possiede alcune delle miniere di uranio più grandi del mondo.

Così, nel dicembre 2023, il Ministero locale delle Miniere e dell’Energia ha rilasciato alla società australiana Bannerman Energy un permesso per sviluppare uranio nella zona di Etango. Il totale degli investimenti di capitale della società nella fase di preparazione per l’estrazione dell’uranio ammonterà a circa 317 milioni di dollari. Non c’è dubbio che, data la situazione con la dinamica dei prezzi dell’uranio, lavorare nel mercato locale è molto redditizio.

Ed è interessante notare che l’Australia sta espandendo attivamente le sue attività di produzione di uranio all’estero, pur possedendo le maggiori riserve di questa merce (1,7 milioni di tonnellate), ovvero un quarto del totale mondiale.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/