RUSSIA. Test clinici sul vaccino anticoronavirus in due settimane

124

Gli scienziati russi hanno in programma di iniziare gli studi clinici entro due settimane su un vaccino per combattere il nuovo coronavirus. Lo ha annunciato il ministro della Salute russo il 30 maggio, ripreso da Reuters

La Russia ha il terzo più alto numero di infezioni da coronavirus al mondo dopo gli Stati Uniti e il Brasile, e i funzionari del Cremlino hanno detto che i ricercatori della nazione stanno lavorando su quasi 50 progetti di vaccini diversi.

«I test sono in corso e abbiamo in programma di iniziare i test clinici nelle prossime due settimane», ha detto il ministro della Salute Mikhail Murashko, stando all’agenzia TASS. Murashko ha detto che sono stati selezionati dei volontari per partecipare alle sperimentazioni.

I produttori di farmaci in tutto il mondo si stanno affrettando a sviluppare trattamenti e vaccini per il virus che ha causato 364 mila morti in tutto il mondo. Attualmente ci sono circa 10 vaccini contro il coronavirus che sono stati testati sull’uomo e gli esperti hanno previsto che un vaccino sicuro ed efficace potrebbe richiedere dai 12 ai 18 mesi dall’inizio dello sviluppo.

Uno dei progetti di vaccini russi è stato intrapreso dall’Istituto statale Vektor in Siberia, e il direttore generale dell’istituto, Rinat Maksyutov, ha detto sempre il 30 maggio che spera di completare i test clinici a metà settembre. Maksyutov ha detto che le sperimentazioni di vaccini sugli animali hanno avuto successo.

La Russia sabato ha registrato 181 morti per il coronavirus nelle ultime 24 ore, in calo rispetto al record di 232 morti registrato il giorno precedente, spingendo il numero di morti a 4.555 a livello nazionale. 

I funzionari hanno detto che sono state confermate 8.952 nuove infezioni, portando il bilancio nazionale a 396.575 casi.

Il presidente Vladimir Putin ha detto nella scorsa settimana che Mosca, l’epicentro dell’epidemia di coronavirus del Paese, è riuscita a prevenire quelli che ha definito i peggiori scenari, poiché la città ha annunciato che in pochi giorni avrebbe facilitato l’adozione di severe misure di blocco.

Anna Lotti