RUSSIA. Se Ryiadh avesse avuto gli S400…

74

L‘attacco agli impianti petroliferi dell’Arabia Saudita dello scorso fine settimana con armi presumibilmente fabbricate in Iran che eludono i costosi sistemi di difesa missilistica degli Stati Uniti è stato un disastro sia per Riyadh che per Washington.

Ma a Mosca, la notizia dell’attacco è stata accolta come un’altra occasione per deridere gli Stati Uniti e i suoi alleati, mentre viene esaltata la capacità della tecnologia di difesa missilistica russa.

Riporta l’indiana Ndtv, «Ricordiamo ancora i fantastici missili americani che non sono riusciti a colpire un bersaglio più di un anno fa, mentre ora i brillanti sistemi di difesa aerea degli Stati Uniti non potevano respingere un attacco», ha detto il portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in un briefing lo scorso venerdì; «Questi sono tutti anelli di una catena». Il presidente russo Vladimir Putin, ad Ankara per un incontro con i leader turchi e iraniani lunedì, si è spinto oltre, suggerendo che l’Arabia Saudita sarebbe stata salvata dall’attacco di sabato se avessero acquistato un sistema di difesa missilistica realizzato dalla Russia. «La leadership politica dell’Arabia Saudita deve solo prendere una saggia decisione statale», ha detto Putin, indicando l’acquisto del sistema missilistico S-300 da parte dell’Iran e del sistema missilistico S-400 da parte della Turchia.

La rivalità tra Stati Uniti e Russia per la vendita di armi esiste fin dalla Guerra Fredda; tra il 2014 e il 2018, secondo lo Stockholm International Peace Research Institute, sono stati i due maggiori esportatori di armi al mondo. Ma negli ultimi anni, questa rivalità è diventata particolarmente aspra, poiché il conflitto geopolitico e le nuove tecnologie hanno portato le armi americane e russe a stretto contatto. In Medio Oriente, dove la tensione e la guerra hanno portato a un aumento delle vendite di armi, Washington e Mosca spesso competono per gli stessi clienti.

Anche se gli Stati Uniti in genere affermano di offrire la superiorità, alcuni sistemi d’arma prodotti dalla Russia sono una sfida. Il primo tra questi è il sistema di difesa missilistica S-400, un rivale del sistema missilistico statunitense Patriot, ampiamente utilizzato, anche se alla fine non testato.

L’attacco alle strutture petrolifere nei distretti sauditi di Khurais e Abqaiq sembrava coinvolgere missili da crociera e droni in grado di evitare il rilevamento e l’attivazione del sistema di difesa missilistica dell’Arabia Saudita.

In particolare, tale sistema include batterie Patriot ed è generalmente progettato per combattere missili balistici e aerei che possono essere individuati da più lontano. Poiché i missili da crociera e i droni possono volare più vicini al suolo, la curvatura della terra li rende più difficili da individuare se il radar non è elevato.

I sistemi russi sono in grado di utilizzare alberi radar mobili per combattere questo problema. L’S-400 è anche progettato per operare in qualsiasi direzione, mentre i sistemi Patriot sono limitati a qualsiasi direzione in cui sono installati: alcuni analisti hanno suggerito che molte delle batterie Patriot dispiegate vicino agli impianti petroliferi presi di mira il sabato potrebbero non aver guardato nella giusta direzione per scoraggiare l’attacco.

Anche il sistema russo S-400 può avere specifiche impressionanti sulla carta, molti analisti sono cauti nel valutarlo. Alcune ricerche hanno anche evidenziato i suoi potenziali punti deboli. Il complesso militare industriale russo è noto per la sua segretezza sui potenziali fallimenti militari: negli ultimi mesi, il paese ha visto una misteriosa esplosione missilistica e un incidente mortale su un sottomarino nucleare, mentre l’anno scorso un gruppo mercenario russo segreto in Siria ha subito un’umiliante sconfitta da parte delle forze statunitensi.

Ma Mosca contesta anche l’efficacia delle armi americane. Per tutte le rivalità tra i sistemi d’arma americani e russi, la battaglia si è giocata finora, e speriamo anche dopo , soprattutto a livello politico.

Tommaso Dal Passo