RATS SCO azione congiunta contro il terrorismo

69

KAZAKHSTAN – Astana. 22/09/14. I servizi di sicurezza dei paesi SCO uniranno le loro forze contro il terrorismo di ritorno dalle zone di conflitto, a dirlo dopo la riunione del Consiglio della Struttura Regionale Anti-Terrorismo (RATS SCO), a Dushanbe, il capo della delegazione russa, il primo vice direttore del russo Servizio federale di sicurezza, Sergei Smirnov.

Ed ha aggiunto in una dichiarazione alla ITAR-TASS: «è davvero un problema e non solo per i paesi che sono SCO». «Questo è un problema anche per i paesi occidentali». «Quando queste persone tornano dalle zone di conflitto sono già preparate, trasformate, pronte per la propaganda nel territorio di origine – e sappiamo – che continuano questo lavoro, seguire le istruzioni dai centri che vengono creati all’estero per questi scopi» ha detto Smirnov. 

A questo proposito, egli ha osservato che non vi è necessità di agire in modo cooperativo. Le misure che devono essere adottate dalle autorità competenti dello SCO coordinate dal Consiglio RATS che metterà in rete gli sforzi compiuti da ciascuno dei servizi di sicurezza. «Questo lavoro è pronto e si basa sulle relazioni bilaterali che Russia ha, per esempio, con l’Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan e il Kazakistan» ha detto Smirnov. «Vogliamo sviluppare un meccanismo di come coordinare questi sforzi» ha detto. Secondo lui, oggi, se uno dei paesi conduce un’operazione contro tali persone, in realtà li spinge fuori dal paese e vanno negli Stati vicini. «Ma se lavoriamo insieme, non si darà opportunità a questi individui di trovare “lavoro” non permetteremo loro di lavorare, se saranno coordinate le azioni e saranno condotte nell’ambito di alcune operazioni congiunte» ha detto Smirnov. 

Secondo Smirnov il  gruppo di lavoro congiunto di esperti sarà in grado di elaborare proposte per frenare l’uso di Internet a fini terroristici, da parte di estremisti e separatisti. Egli ha ricordato che internet è una delle principali fonti attraverso cui i terroristi comunicano notizia questa confermata dai rappresentanti di tutti gli Stati della SCO.