RUSSIA. Raccolti scarsi mentre in Ucraina si registra il top

295

La siccità, la morte delle colture invernali e la carenza di lavoratori migranti per il lavoro stagionale nei campi hanno colpito i raccolti del 2021 in Russia, che sono scesi al minimo in tre anni, riferisce il ministero russo dell’agricoltura. Al contrario, l’Ucraina ha avuto uno dei suoi migliori raccolti di sempre.

La Russia e l’Ucraina sono tra i più grandi esportatori di grano del mondo e l’agricoltura è diventata un’importante fonte di denaro per entrambi i paesi. Gli agricoltori russi hanno raccolto 120,7 milioni di tonnellate di grano alla fine del 2021, il 9,6% in più rispetto al 2020, secondo le statistiche di RosStat. Ma il raccolto di grano era al minimo di tre anni, meno di quasi 15 milioni di tonnellate rispetto all’anno precedente, riporta BneIntellinews.

Anche il raccolto di grano è sceso del 12%, o 10 milioni di tonnellate, e ammonta a 75,9 milioni di tonnellate, contro le previsioni di inizio stagione del ministero dell’Agricoltura di 81 milioni. Il raccolto di orzo è sceso del 14% a 18 milioni di tonnellate, ma il raccolto di mais è aumentato del 6% rispetto all’anno precedente, a 14,6 milioni di tonnellate.

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti aveva previsto un raccolto di 85 milioni di tonnellate di grano in Russia, ma in agosto ha abbassato bruscamente la stima a 72,5 milioni di tonnellate a causa del maltempo che ha colpito alcune grandi regioni produttrici tra cui Tatarstan, Bashkortostan e Orenburg. La resa del grano raccolto nel distretto federale centrale è scesa del 24% rispetto all’anno precedente e nel distretto federale del Volga addirittura del 45%.

I raccolti in calo sono stati sperimentati nel 2021 dalla maggior parte dei maggiori paesi esportatori, tra cui Canada, Brasile e Stati Uniti, dove, secondo il ministero dell’Agricoltura, Usa i raccolti di grano hanno raggiunto i livelli più bassi degli ultimi 19 anni.

Il deficit di offerta, unito all’aumento della domanda e agli acquisti record della Cina per la riserva alimentare statale, ha fatto salire il prezzo medio del grano sui mercati mondiali del 31% anno su anno secondo una stima della Fao.

L’indice dei prezzi alimentari aggregati della Fao, che tiene conto dei prezzi di 95 alimenti di base, è aumentato del 23% l’anno scorso, raggiungendo il livello più alto in un decennio.

Un cattivo raccolto potrebbe alimentare un’alta inflazione nel 2022; alla fine dello scorso anno, secondo RosStat, l’inflazione alimentare ha toccato un massimo di sei anni, il 10,6%.

Al contrario, l’Ucraina ha avuto il suo più grande raccolto di sempre, portando 106 milioni di tonnellate di cereali, legumi e semi oleosi nel 2021 grazie a condizioni meteorologiche favorevoli, secondo il ministero dell’Agricoltura ucraino.

Il raccolto record comprende più di 84 milioni di tonnellate di cereali e legumi, così come 22,6 milioni di tonnellate di semi oleosi; questo raccolto ha superato le previsioni preliminari del ministero, stimate a 100 milioni di tonnellate.

Il successo del raccolto è dovuto anche ai prestiti statali concessi quest’anno agli agricoltori, per un totale di 1,1 miliardi di dollari, per stimolare l’industria. Gli ucraini hanno iniziato a comprare e vendere terreni dopo che la moratoria di 20 anni sulle transazioni fondiarie è stata ufficialmente revocata il 1° luglio 2021.

Con 42 milioni di ettari di terreni agricoli che coprono il 70% del paese e circa il 25% delle riserve mondiali di terra nera, l’agricoltura è la più grande industria di esportazione dell’Ucraina. Ufficialmente, le grandi agro-società operano su 6 milioni di ettari; le piccole e medie agro-società su circa 11 milioni di ettari.

Il solo raccolto aggiungerà lo 0,8% al prodotto interno lordo del paese, secondo il rapporto della Banca Nazionale pubblicato nell’ottobre 2021. Nel 2020, il settore agricolo dell’Ucraina ha generato circa il 9% del suo Pil.

L’Ucraina ha esportato il 17% in più di prodotti agricoli tra gennaio e settembre 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020.

La Cina è stata il più grande importatore di prodotti agricoli ucraini quest’anno, con circa 3 miliardi di dollari di esportazioni, un aumento del 36% rispetto al 2020. L’India ha importato 1,35 miliardi di dollari di prodotti agricoli, seguita dai Paesi Bassi con 1,2 miliardi di dollari.

Anna Lotti