Pil russo in caduta

54

RUSSIA – Mosca 19/09/2013. Il prodotto interno lordo della Russia cresce troppo lentamente per tirare il paese fuori dalla sua peggiore situazione economica dopo la crisi finanziaria globale del 2008.

Ha lanciato il grido di allarme è stato lanciato dal ministro dello Sviluppo economico russo il 18 settembre, aggiungendo che la stagnazione non migliorerà nel 2014. Alexei Ulyukayev ha detto nel corso di un incontro alla Duma che la nuova stima di crescita del Pil del 1,8 per cento all’anno e prevista per quest’anno, annunciata il mese scorso, è «insoddisfacente». «Mi sembra che non abbiamo avuto una situazione così sfavorevole negli ultimi cinque anni, da quando c’è la crisi» ha detto, «Quest’anno, per la prima volta, abbiamo un livello di sviluppo economico che è al di sotto della media mondiale (…) Purtroppo, non vediamo opportunità nel 2014 di arrivare alla media mondiale».  Ulyukayev ha osservato che la crisi economica è iniziata alla fine dello scorso anno, e ha attribuito il ristagno a «forti vincoli della domanda» e alla mancanza di investimenti. Secondo il ministero dello Sviluppo Economico, la Russia subirà una fuga di capitali nel 2013 pari a 70 miliardi di dollari, vista la critica mancanza di domanda su grandi progetti di investimento. Come risultato, la Russia continuerà a rallentare le altre economie emergenti dei Brics (Brasile, India, Cina e Sud Africa)  in termini di crescita. «Stiamo andando ad avere quasi lo stesso tasso degli Stati Uniti, che stanno uscendo dalla crisi», ha detto Ulyukayev. La Russia ha abbassato le sue previsioni di crescita per il 2013 per la seconda volta quest’anno nel mese di agosto, quando ha tagliato la sua stima dal 2,4 per cento al 1,8 per cento. La previsione di aprile di 2,4 per cento era di per sé una revisione di una stima precedente del 3,6 per cento di crescita.