RUSSIA. Nuove portaerei nucleari all’orizzonte

827

Ad oggi, solo la Marina degli Stati Uniti ha le cosiddette super-portaerei: vascelli con motore nucleare che muovono centomila tonnellate. Tuttavia, la Marina russa potrebbe ora prendere in considerazione la possibilità di costruirne una.

L’unica portaerei esistente in Russia è l’Admiral Kuznetsov, da 60mila tonnellate. È grande, ma a causa del suo dislocamento significativamente più piccolo, trasporta meno jet delle navi americane. Due progetti concorrenti, lo Shtorm e il Lamantin, dovrebbero sostituirla; questi due nuovo vascelli avrebbero propulsione nucleare, riporta Forbes

L’Admiral Kuznetsovè stata schierata al largo della Siria, e i suoi jet hanno condotto attacchi aerei su suolo siriano. Ma avere una sola portaerei operativa riduce la capacità della marina russa. Attualmente è in revisione da diversi anni. Dovrebbe riemergere quest’anno, ma ha sofferto una serie di incidenti durante il lavoro.

Nell’ottobre 2018 il grande bacino galleggiante in cui si trovava, PD-50, è affondato; è riuscita a rimanere a galla, ma nel frattempo una grande gru è caduta sul suo ponte, causando danni. E più recentemente, nel dicembre dello scorso anno, si è verificato un grave incendio a bordo. I tempi della prossima portaerei non sono chiari – non è stato ancora stabilito nulla. Tuttavia il presidente Putin ha ispezionato un modello del progetto Lamantin quando ha visitato Sebastopoli a gennaio.

Il progetto 23000E Shtorm è circa il 50% più grande dell’ammiraglio Kuznetsov arrivando a 90mila tonnellate; lungo quanto quasi la classe Nimitz della Us Navy, con ponti gemelli. Anche il progetto 11430E Lamantin ha lo stesso tonnellaggio ma in realtà è una nave più grande e più convenzionale.

Nel frattempo l’Amiral Kuznetsov mostra segni di obsolescenza: il fumo che esce dall’enorme torre è un effetto collaterale della vecchia propulsione a turbina a vapore della nave.

La marina russa ha già navi a propulsione nucleare. Le più famose sono gli incrociatori da battaglia della classe Kirov. Uno di questi giganti della Guerra Fredda è ancora in servizio attivo, e un altro, l’ammiraglio Nakhimov, è in fase di modernizzazione. 

Anna Lotti