RUSSIA. Niente più fish and chips dalle acque russe per gli inglesi?

55

Un accordo del 1956 che consentiva ai pescherecci britannici di pescare nel Mare di Barents è stato stracciato, ultimo segnale delle crescenti tensioni tra Mosca e Londra.

L’accordo di pesca risale a tanto tempo fa, era stato firmato dal leader sovietico Nikita Khrushchev, ma i politici russi ora hanno affermato che non è mai stato nell’interesse nazionale, riporta MercoPress.

Il governo britannico ha affermato che la fine dell’accordo non avrà “nessun impatto materiale sulle nostre forniture ittiche”.

Il presidente del parlamento russo Vyacheslav Volodin ha detto: “Gli inglesi devono studiare alcuni proverbi: ‘I russi imbrigliano il cavallo lentamente, ma lo cavalcano velocemente’”. Ha detto ai politici che “gli inglesi senza scrupoli” hanno mangiato pesce russo per 68 anni – dichiarando: “Ora lasciateli perdere peso, diventeranno più intelligenti”.

Il Regno Unito ha imposto sanzioni a sei persone a capo della colonia penale artica dove Alexei Navalny è stato dichiarato morto. Volodin ha affermato che il ritiro dall’accordo sulla pesca è stato una risposta diretta a queste sanzioni, poiché solo lo scorso anno le navi britanniche hanno catturato 556.000 tonnellate di merluzzo ed eglefino nelle acque russe.

Stretto alleato di Putin, Volodin ha anche ribadito il punto di vista del Cremlino secondo cui il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991 è stato una tragedia. Ha detto: “Con Gorbaciov abbiamo perso il nostro Paese, e con Putin ce lo siamo ripreso”.

L’anno scorso, i media britannici hanno riferito che fino al 40% del merluzzo e dell’eglefino consumati nel Regno Unito provengono dalla Russia e dal territorio russo, con Mosca accusata di “utilizzare il cibo come arma”.

Il portavoce del governo britannico ha dichiarato: “Le navi del Regno Unito non pescano in acque russe, quindi ciò non avrà alcun impatto materiale sulle nostre forniture ittiche, compresi il merluzzo o l’eglefino (…) Il Regno Unito non ha ricevuto alcuna notifica ufficiale dalla Federazione Russa su questo argomento (…) Il continuo ritiro unilaterale della Russia da una serie di trattati di cooperazione internazionale è sintomatico del suo isolamento autoinflitto sulla scena mondiale a seguito dell’invasione illegale dell’Ucraina”.

Andrew Crook, presidente della Federazione nazionale dei friggitori di pesce: “Le navi britanniche non pescano nelle acque russe da decenni, quindi è un punto controverso”.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/