RUSSIA. Mosca userà la rupia indiana per gli acquisti di greggio

164

La Russia aumenterà il suo uso di valute non occidentali per il commercio con paesi come l’India, ha detto il suo ministro degli esteri il 1 aprile, quando ha definito Nuova Delhi un paese amico che non stava avendo una “visione unilaterale” sulla guerra in Ucraina.

Sergei Lavrov ha visitato l’India per sostenere un paese che la Russia ha a lungo considerato come un alleato storico, un giorno dopo che funzionari statunitensi e britannici hanno fatto pressione sull’India per evitare di minare il sistema finanziario basato sul dollaro e le sanzioni imposte alla Russia per la sua invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, riporta Reuters. L’India e la Cina sono gli unici grandi paesi che non hanno condannato quella che la Russia chiama la sua “operazione militare speciale”. Dopo che Lavrov ha visitato la Cina questa settimana, Pechino ha detto di essere “più determinata” a sviluppare i legami con la Russia.

«Siamo amici», ha detto Lavrov a una conferenza stampa dopo aver incontrato il suo omologo indiano, Subrahmanyam Jaishankar, aggiungendo che l’India ha visto la crisi ucraina nella «totalità dei fatti e non solo in modo unilaterale». Lavrov ha detto che la banca centrale della Russia ha istituito diversi anni fa un sistema per la comunicazione di informazioni finanziarie e l’India ha un sistema simile: «È assolutamente chiaro che sempre più transazioni verrebbero fatte attraverso questo sistema usando le valute nazionali, bypassando il dollaro, l’euro e altre valute», ha detto Lavrov.

La Russia è il più grande fornitore di attrezzature di difesa all’India e Lavrov ha detto che i due paesi useranno un meccanismo rupia-rublo per scambiare petrolio, hardware militare e altri beni: «Saremo pronti a fornire qualsiasi merce che l’India voglia comprare (…) Non ho dubbi che si troverà un modo per aggirare gli ostacoli artificiali che le sanzioni unilaterali illegali dell’Occidente creano. Questo riguarda anche l’area della cooperazione tecnico-militare».

Lavrov ha detto che c’è stato qualche movimento in avanti nei negoziati con l’Ucraina: «Lo status non nucleare, non-blocco, neutrale – viene ora riconosciuto come assolutamente necessario», ha detto. Lavrov ha anche incontrato il primo Ministro indiano Narendra Modi prima di partire.

Lavrov ha detto che la Russia sarebbe aperta alla mediazione dell’India tra l’Ucraina e la Russia, ma non ha sentito nessuna proposta del genere, mentre Jaishankar ha detto che l’India è per la risoluzione pacifica delle controversie.

Il Ministro indiano «ha sottolineato l’importanza della cessazione della violenza e della fine delle ostilità (…) Le differenze e le controversie dovrebbero essere risolte attraverso il dialogo e la diplomazia e rispettando il diritto internazionale, la Carta delle Nazioni Unite, la sovranità e l’integrità territoriale degli stati», ha detto il ministero degli esteri indiano in un comunicato.

L’India ha comprato milioni di barili di greggio dalla Russia con uno sconto da quando è scoppiata la guerra, giustificando gli acquisti come benefici per i suoi cittadini e qualcosa che anche i paesi europei stanno facendo. Il ministro delle finanze Nirmala Sitharaman ha detto, riporta CNBC-TV18, che l’India continuerà a comprare petrolio scontato dalla Russia: «Metterei al primo posto gli interessi nazionali del mio paese e la sicurezza energetica (…) Perché non dovrei comprarlo? Ne ho bisogno per il mio popolo».

L’India si è anche impegnata a comprare olio di girasole dalla Russia a un prezzo record dopo che le forniture dall’Ucraina si sono fermate.

Antonio Albanese