RUSSIA. Mosca punta sul Mediterraneo Orientale

137

Per garantire la sua sicurezza strategica la Russia fissa le sue priorità nel Mediterraneo orientale. Mosca ha adottato una nuova visione per la sicurezza marittima nel luglio 2022, poiché considerava la parte orientale del Mar Mediterraneo un’area importante per garantire gli interessi nazionali della Russia; inoltre, svolge un ruolo importante nel garantire la sicurezza strategica e territoriale della Federazione Russa.

Il sito web del Consiglio russo per gli affari internazionali ha pubblicato un rapporto dello studioso Ivan Bocharov, in cui ha affermato che la Russia vede un’importanza particolare nella costruzione di un partenariato benefico con i paesi della regione del Mediterraneo orientale e ha sottolineato il difficile periodo di trasformazione in Russia politica estera derivante dal conflitto russo-ucraino, e la crescente necessità di comprendere la politica regionale dei paesi del mare orientale.

L’Istituto russo Primakov ha pubblicato, infatti, in merito uno studio dal titolo: “La lotta per il Mediterraneo orientale: interessi e ambizioni”. Nello studio vengono presi in considerazione sopratutto gli aspetti economici e giuridici delle relazioni internazionali nel Mediterraneo orientale, prestando inoltre particolare attenzione allo studio dell’intersezione degli interessi e delle priorità delle potenze regionali e attori fuori regione, riporta Al Jazeera.

Secondo il Centro per gli studi mediorientali dell’Istituto Primakov, l’energia, i problemi di sicurezza e le controversie sui confini sono gli aspetti principali che hanno costituito la base della ristrutturazione regionale nel Mediterraneo orientale. il “fattore gas” si collega direttamente con la volontà dei Paesi della regione di garantire i propri interessi economici attraverso la delimitazione dei confini marittimi e delle aree marine esclusive.

Gli attori principali sulla disputa dei confini sono ovviamente Turchia e Grecia e ancora se si pensa al gas va fatta una riflessione sulla questione di Cipro. Lo studio russo ha sottolineato l’importanza per questi paesi di mantenere il dialogo e ha suggerito alcune misure per aumentare la fiducia reciproca, tra cui operazioni congiunte di ricerca e salvataggio e relative esercitazioni, ricerca scientifica e monitoraggio ambientale.

Lo studio ha anche parlato della crisi globale del gas e del suo impatto sui paesi del Mediterraneo orientale, indicando che il gas del Mediterraneo orientale è diventato un’alternativa al gas russo per gli europei, ma la regione del Mediterraneo orientale difficilmente può svolgere il ruolo di principale garante della sicurezza energetica nell’Unione europea. Secondo lo studio il potenziale di esportazione dei paesi del Mediterraneo orientale è ancora molto limitato per molte ragioni, tra cui l’infrastruttura non sufficientemente sviluppata.

Secondo l’autore dello studio Ivan Bocharov, un altro tema caldo sarà quello delle relazioni Palestina, Libano e Israele. L’instabilità sui binari libanese e palestinese dovuta al conflitto arabo-israeliano, la politica estera di Israele, come nonché le crisi interne in Palestina e Libano; Tutto ciò limita le opportunità per questi paesi di sfruttare le risorse del Mediterraneo orientale. Tuttavia, il pragmatismo di Israele e la sua capacità di separare i problemi di una soluzione politica da quelli economici potrebbero contribuire a integrare il Libano e la Palestina nel “sistema di interdipendenza” nel Mediterraneo orientale, come affermano i curatori dello studio.

Lo scrittore ha affermato che lo studio si è concentrato anche sull’Egitto, sugli Stati del Golfo e sull’Iran. Ha indicato che l’Egitto sta cercando di costruire alleanze per contenere la Turchia nella regione, e che è pronto a difendere con decisione i propri interessi nel Mediterraneo orientale ed è in grado di ricorrere a una dimostrazione di forza se necessario.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/