RUSSIA. Mosca progetta una nuova staziona spaziale al posto della ISS

280

La società spaziale russa RKK Energiya ha annunciato che sta lavorando allo sviluppo di una nuova stazione spaziale multifunzionale. La stazione orbitale russa sarà composta da tre o sette moduli senza equipaggio o con un equipaggio di due o quattro persone, ha detto Vladimir Solovyov, primo vice progettista generale di Energiya per il funzionamento in volo e il collaudo di sistemi razzo e spaziali.

In una conferenza dell’Accademia Russa delle Scienze sullo spazio, Solovyov ha espresso preoccupazione per la longevità della Stazione Spaziale Internazionale, Iss, in quanto alcuni componenti sono stati danneggiati e non possono essere sostituiti. Solovyov, che è anche il direttore di volo del segmento russo della ISS, ha detto che la stazione potrebbe cessare di funzionare entro il 2025 e che il costo del suo mantenimento potrebbe ammontare a 10-15 miliardi di rubli.

La Roscosmos ha detto poi che prevede di discutere la durata della vita operativa della Iss con la Nasa all’inizio del prossimo anno. «La durata della vita della Iss dipende fortemente dalle condizioni tecniche dei moduli e da alcuni aspetti politici che si prevede di affrontare», ha detto Roscosmos in un comunicato stampa.

Roscosmos è attualmente in attesa di proposte da parte di Energiya sulla creazione di una nuova stazione spaziale nazionale, che sarà prima esaminata dal Consiglio Scientifico e Tecnico di Roscosmos e poi presentata al governo, ha detto.

Nel 2017 e più successivamente, all’interno del piano di mandare una spedizione umana su Marte, gli Stati Uniti e la Russia hanno accettato di collaborare per costruire uno spazioporto, chiamato Deep Space Gateway, in orbita attorno alla Luna. «I partner intendono sviluppare standard tecnici internazionali che saranno utilizzati in seguito, in particolare per creare una stazione spaziale in orbita lunare», aveva dichiarato Roscosmos in un comunicato emesso dopo la firma di un accordo in occasione di un congresso astronautico ad Adelaide, in Australia.

La Nasa aveva anche detto in un comunicato che stava «conducendo i prossimi passi verso lo spazio profondo vicino alla Luna, dove gli astronauti costruiranno e inizieranno a testare i sistemi necessari per le missioni che li vedranno impegnati verso destinazioni dello spazio profondo, incluso Marte (…) L’area dello spazio vicino alla luna offre un vero e proprio ambiente spaziale profondo per acquisire esperienza per le missioni umane che spingeranno più lontano nel sistema solare, accedere alla superficie lunare per le missioni robotiche, ma con la capacità di tornare sulla Terra se necessario in giorni piuttosto che settimane o mesi».

Graziella Giangiulio