RUSSIA. Mosca non crede nel rinnovo dello START

57

«L’attuale amministrazione statunitense sta ancora studiando la proposta della Russia di prorogare di un anno il New Start (Trattato di riduzione delle armi strategiche), la palla è ora nel loro campo», ha detto l’ambasciatore della Russia alle Nazioni Unite, Vassily Nebenzia.

«Abbiamo dato il consenso ad alcune cose, ma abbiamo detto che questa sarebbe stata l’ultima concessione. Ora il pallone è nel loro campo. Ne stanno ancora discutendo, non abbiamo ancora ricevuto risposta», ha detto Nebenzia, riporta Sputnik

Mentre la Russia ha accettato la proroga di un anno, ha detto che non avrebbe accettato condizioni extra, ha ricordato il diplomatico: «Con questa amministrazione, ci siamo quasi avvicinati alla proroga, anche se una proroga di un anno invece di cinque anni. La questione non è ancora conclusa. Siamo partiti da lontano. All’inizio volevano solo non prorogare l’accordo. Tuttavia, ci siamo quasi avvicinati alla proroga, almeno per un anno, il che dovrebbe dare un po’ di tempo», ha continuato Nebenzia.

A metà ottobre, il presidente russo Vladimir Putin ha suggerito di prorogare l’accordo, che scade a febbraio, di un anno senza condizioni e di discutere tutti i parametri di controllo degli armamenti durante quell’anno.

Mosca inizialmente ha spinto per una proroga di cinque anni, prevista nell’accordo, mentre Washington era solita sostenere l’abbandono del New Start e la firma di un nuovo accordo, ma poi ha dichiarato la volontà di prorogare il trattato per un anno e ha proposto alcune condizioni. La proroga di un anno non era l’unico desiderio degli Stati Uniti, ha ricordato Nebenzia.

Di diverso parere è il ministro degli Esteri Sergej Lavorv. Per Lavrov, il trattato non sarà prorogato a causa delle condizioni stabilite dai negoziatori statunitensi.

Lavrov, riporta Rt, ha lamentato che l’amministrazione del presidente americano Donald Trump è troppo preoccupata di vincere e perdere, il che si estende non solo alle elezioni, ma anche ai negoziati e agli accordi con l’estero.

«Le conversazioni sono condotte con la mentalità di “chi vince, chi perde”», ha detto Lavrov. «Quando si parla del trattato Start, tutti possono vincere se lo estendiamo senza condizioni preliminari». In particolare, il ministro degli Esteri russo ha osservato che gli Stati Uniti vogliono che la Russia elimini completamente l’uso del veicolo subacqueo Poseidon e del missile da crociera Burevestnik, entrambi a propulsione nucleare. Washington vuole anche creare posti di controllo presso le strutture russe per la fabbricazione di armi.

«Abbiamo già avuto la situazione quando gli ispettori americani erano seduti ai cancelli delle nostre fabbriche del complesso militare-industriale. Questo era negli anni Novanta, e non ci sarà mai un ritorno a questo sistema», ha spiegato Lavrov.

Con le turbolenze in corso intorno alle elezioni negli Stati Uniti, il Ministro russo ha spiegato che non si aspetta di ricevere proposte realistiche da Washington, e quindi rimane pessimista sul fatto che il trattato Start sarà esteso: «Considerando il clamore che si è sviluppato negli Stati Uniti come parte del conteggio dei voti in corso, delle cause legali e di altre perturbazioni, probabilmente non è ragionevole aspettarsi proposte chiare da parte degli americani (…) La palla è ora ne loro campo. Se la risposta è no – beh, vivremo senza l’accordo».

Antonio Albanese