RUSSIA. Le aziende russe emettono obbligazioni in Yuan. Addio dollaro

137

Un numero sempre maggiore di aziende russe sta emettendo obbligazioni in valuta cinese, mentre cresce il commercio con la Cina denominato in yuan all’ombra delle sanzioni occidentali imposte a Mosca per l’invasione dell’Ucraina.

Con Vladimir Putin che dovrebbe incontrare Xi Jinping in occasione del vertice Sco a Samarcanda, una più stretta cooperazione finanziaria potrebbe essere all’ordine del giorno dei loro colloqui, compresa la possibilità che Mosca emetta titoli di Stato denominati in yuan.

Secondo i media russi, il 13 settembre, Rosneft ha effettuato un’offerta pubblica di obbligazioni per 10 miliardi di yuan. Questo segue l’offerta di 4,6 miliardi di yuan effettuata a fine agosto dalla più grande società mineraria d’oro russa, Polyus.

Il principale produttore di alluminio Rusal, a luglio, è stata la prima società russa a emettere obbligazioni denominate in yuan all’interno del Paese. L’emissione, che prevede due tranche da 2 miliardi di yuan ciascuna e scadenze a cinque anni, è stata presumibilmente sottoscritta in eccesso.

La Russia stava espandendo gli scambi con la Cina già prima dell’invasione dell’Ucraina. La Cina ha rappresentato il 18% del commercio totale della Russia nel 2021, rispetto al 10% del 2012, come riporta l’agenzia doganale russa.

Le obbligazioni societarie stanno suscitando interesse come modo per investire gli yuan accumulati in Russia. Se la domanda è alta, le aziende russe possono raccogliere fondi a condizioni favorevoli. Dall’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca a febbraio, il commercio russo ha visto una riduzione dei pagamenti in dollari ed euro a causa delle sanzioni statunitensi ed europee. Nel frattempo, i pagamenti denominati in yuan con la Cina sono in crescita.

Secondo la Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, Swift, la Russia è salita al terzo posto nella quota di transazioni in yuan tra le giurisdizioni al di fuori della Cina continentale. Il volume giornaliero delle transazioni in yuan sul mercato di Mosca è aumentato di 12 volte nel semestre gennaio-giugno rispetto al periodo dell’anno precedente.

I regolamenti denominati in yuan sono particolarmente importanti nel settore energetico. Questo mese la società statale russa Gazprom ha deciso di passare ai regolamenti in yuan e rubli per le esportazioni di gas naturale verso la Cina, transazioni che in precedenza venivano effettuate in dollari. Questo vale per i contratti con la China National Petroleum, verso la quale il gas viene esportato attraverso i gasdotti.

Le autorità russe non hanno rilasciato statistiche commerciali dopo l’invasione. Ma la Cina riferisce che a maggio le sue importazioni di greggio russo hanno superato quelle provenienti dall’Arabia Saudita per il primo posto. I pagamenti in yuan potrebbero diffondersi anche nelle transazioni petrolifere.

L’allontanamento della Russia dal dollaro era evidente già prima dell’invasione. La Banca centrale russa riferisce che la quota di pagamenti in dollari per le importazioni cinesi ha superato il 90% nel 2013, ma è scesa a poco meno del 60% nel 2021. La quota di quelle che chiama “altre valute” – tra cui lo yuan ma non il rublo o l’euro – è passata da poco più del 2% nel 2013 al 27% nel 2021.

Mosca è pronta a raccogliere fondi sovrani in yuan. Secondo Vedomosti , il ministero delle Finanze sta valutando la possibilità di emettere titoli di Stato denominati in yuan, con l’obiettivo di attrarre investitori cinesi e acquirenti nazionali.

Si dice che i preparativi richiedano da uno a due anni. La Russia sta lottando per effettuare i pagamenti dei suoi titoli di Stato denominati in dollari a causa delle sanzioni. Le sanzioni occidentali hanno escluso molte delle maggiori banche russe da Swift, spingendole ad aderire alla rete alternativa cinese.

Secondo i media russi, a metà luglio più di 20 istituzioni finanziarie russe erano collegate al sistema di pagamento interbancario transfrontaliero, Cips. Il Cips è stato introdotto dalla People’s Bank of China, la banca centrale del Paese, nel 2015 con l’obiettivo di internazionalizzare lo yuan. Può essere utilizzato per i pagamenti transfrontalieri denominati in yuan.

Luigi Medici