RUSSIA. La Marina russa può distruggere chiunque, ovunque. Parola di Putin

122

Il presidente russo Vladimir Putin, nel suo discorso dedicato alla Giornata della Marina russa, ha ricordato le minacce che la Russia sta affrontando da diversi paesi.

Putin in quest’occasione ha usato una retorica “bellicosa”. Analizzando il discorso del Presidente russo si vede che Putin ha fatto ricorso alla retorica delle minacce per la prima volta, poiché ha giurato di «distruggere chiunque, ovunque».

Putin ha parlato non solo del significato storico della data, ma ha anche menzionato coloro che si sono posizionati come avversari della Russia, riporta South Africa Today.

Il discorso di Putin sulla “Giornata della Marina russa” era pieno di parole di ammirazione per la portata delle trasformazioni che la forza armata russa ha visto di recente. Putin ha ricordato che in ottobre la Marina russa avrebbe compiuto 325 anni. «In tutti questi anni», ha detto, «la flotta ha fatto molta strada dalla piccola barca di Pietro il Grande alle potenti navi da guerra della zona oceanica».

Ha anche citato le potenzialità di un’efficace aviazione navale, di affidabili complessi di difesa costiera, e di missili ipersonici unici nel loro genere.

Il presidente russo ha detto che la flotta ha tutto per garantire la protezione dei confini e degli interessi nazionali. Putin ha notato separatamente che gli uomini della marina russa sono in grado di rilevare qualsiasi nemico ovunque: «Possiamo rilevare nemici subacquei, di superficie o aerei e prenderli di mira se è necessario un attacco letale»

La frase è esplosa come una bomba nei mass media sia in Russia che in Occidente. Secondo Putin, la marina russa ha stabilito la sua presenza in quasi tutte le regioni degli Oceani terrestri.

Alla parata hanno partecipato 4.000 marinai, più di 50 vascelli tra navi, e sottomarini, 48 aerei ed elicotteri dell’aviazione navale. Durante gli ultimi anni, la marina russa ha ottenuto nuove navi e aerei, sistemi di difesa aerea, infrastrutture.

Rivolgendosi ai cittadini russi, Putin ha anche inviato un segnale ai partner esterni sulla potenza della Marina russa. Tuttavia, anche se il numero di problemi che la Marina russa sta affrontando oggi è notevolmente inferiore a quello degli anni ’90, molti sono gli ostacoli ancora da superare.

Il Centro russo per la congiuntura strategica, parte del Valdai Discussion Club, think tank russo, ha collegato la retorica di Putin con le recenti provocazioni vicino ai confini russi. Putin ha chiarito che la Russia è in grado di rispondere a queste sfide.

La Russia ora ha, sua detta, armi missilistiche di alta precisione e ipersoniche (missili Caliber, Onyx, Zircon) e, di conseguenza, nuovi vascelli lanciamissili, fregate, anche per l’uso nella zona oceanica.

La marina russa, per la stampa di Mosca, è così diventata superiore a molte delle forze navali del mondo in termini di sviluppo tecnico e capacità di risolvere le missioni di combattimento, e Putin ha voluto dimostrare al mondo intero che la marina russa deve essere rispettata.

Anna Lotti