Reclutatori russi per ISIS

38

TAJIKISTAN – Dushanbe. 23/04/15. La testata Asia Plus pubblica la notizia secondo cui altri 5 cittadini tragici sarebbero morti combattendo tra le file dello Stato Islamico.

Il primo combattente, Sayfullo, sarebbe stato ucciso il 20 aprile un altro tajiko, soprannominato Abduraqib al-Tagiko, è stato ucciso il 17 aprile Inoltre, altri cittadini tajiki, soprannominati Aby ‘Umayr, Abu Mahdi tagiko e Abu Musab, sono stati uccisi rispettivamente in Iraq 18 aprile 15 e 12.
Inoltre le informazioni pubblicate su uno degli account Twitter, riferisce che tre tagiki, soprannominato Aby Ayub, Sultan e Imran sono stati uccisi in Iraq il 30 marzo. Il Ministero dell’Interno del Tagikistan dice che 144 cittadini tagiki attualmente combattono in Siria, Iraq, Afghanistan e Pakistan. Dodici di loro sono stati arrestati e stanno subendo un procedimento penale. Il ministro per l’interno tajiko, Ramazon Rahimzoda ha detto alla testata tanica che il mese scorso 50 militanti ISIS tajiki sono stati uccisi in Siria. Secondo lui, ci sono 200 tagiki che combattono a fianco dei militanti ISIS in Siria e in Iraq. Nel frattempo Edward Limone, dottorando presso l’Università di Exeter, che sta monitorando i militanti tagiki in Siria e in Iraq ha detto a Radio Liberty, il 27 marzo, che ha trovato la prova che almeno 70 combattenti tajiki hanno un account internet. «Ma ci sono probabilmente molte più persone che hanno viaggiato e la cui esistenza non è stata riportata dai media. Penso che possa essere una cifra compresa tra 100 e 200», ha detto Mr. Lemon. Mr. Lemon, la cui ricerca esamina i legami tra migrazione, la religione, e la sicurezza all’interno delle comunità dell’Asia centrale in Russia, ha osservato che «sembra che molti vengono reclutati in Russia».