Russia. Il Fisco contro le Ong

51

RUSSIA – Mosca. Aumentano i controlli dell’amministrazione fiscale russa effettuati sui finanziamenti stranieri alle ong presenti sul territorio della Federazione.

Il  20 marzo, il fisco di Mosca, infatti, ha passato al setaccio la sede moscovita di Human Rights Watch e di Transparency International. In precedenza due ong politiche tedesche, la Fondazione Konrad Adenauer e la Fondazione Friedrich Ebert, erano state “analizzate” sia a Mosca, la seconda, che a san Pietroburgo, la prima. La Konrad Adenauer Stiftung è un think tank legato alla Cdu del cancelliere tedesco Angela Merkel, mentre la Friederich Ebert Stiftung è vicina ai Social democratici, partito d’opposizione tedesco. La Cdu ha denunciato che le autorità russe avevano sequestrato dei computer dagli uffici della Kas definendo l’azione «totalmente inaccettabile». Il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, aveva convocato il Primo segretario  dell’ambasciata russa a Berlino per manifestare la sua «preoccupazione per un’azione chiaramente concertata».

Altre ong in Russia sono stati perquisite da procuratori e ispettori fiscali nelle ultime settimane, e sono stati registrati controlli su centinaia di ong in tutto il Paese. Catherine Ashton, il 26 marzo, si era detta «preoccupata dalle azioni delle autorità russe contro la comunità delle ong nel Paese». Tra le ONG prese di mira c’è l’organizzazione per i diritti umani Memorial, visitata dai funzionari russi per tre volte in una settimana. Anche Amnesty International è nel mirino. Una legge approvata nel luglio 2012 obbliga che le ong impegnate nella attività politica russa e che ricevano finanziamenti stranieri a registrarsi come «agenti stranieri». L’inosservanza è punibile con pesanti multe e fino a due anni di carcere.

Il Cremlino afferma che la legge sia necessaria per proteggere la Russia da tentativi esterni di influenzarne la politica interna, ma l’opposizione sostiene che sia un meccanismo per schiacciare il dissenso dopo le proteste di massa contro il governo di Russia Unita partito all’inizio del 2012.

Sulla crescente chiusura delle autorità russe si veda anche: 

Ue – Russia. Incontro sui visti

Cooperazione politica russo-statunitense per la sicurezza globale

USA – Russia, nemici per sempre

La Russia chiude le porte di Novy Urengoy

La Russia si apre agli investitori esteri