RUSSIA. Grossi guai a Khabarovsk

120

Enormi manifestazioni antigovernative sono scoppiate nell’Estremo Oriente russo lo scorso 25 luglio per l’arresto del popolare governatore Sergei Furgal che la scorsa settimana è stato sostituito da un governatore nominato del Cremlino, parlamentare dello stesso partito nazionalista Ldpr, Mikhail Degtyarev.

I residenti di Khabarovsk vicino al confine con la Cina sono scesi in strada in massa da quando il governatore Furgal è stato arrestato dalle forze dell’ordine federali ed è stato portato a Mosca con l’accusa di omicidio all’inizio di questo mese. Le manifestazioni in corso sono state alcune delle più grandi proteste antigovernative in Russia degli ultimi anni, che secondo il Cremlino sono state alimentate dagli attivisti dell’opposizione al di fuori della regione.

Decine di migliaia di residenti hanno marciato attraverso Khabarovsk sventolando la bandiera della regione, portando striscioni e cantando slogan anti-Putin mentre le auto di passaggio suonavano il clacson a sostegno, riporta Afp. I dimostranti si sono radunati davanti all’edificio amministrativo regionale in piazza Lenin gridando “Libertà” e “Putin dimettiti”. La polizia, con le maschere protettive, ha permesso che le manifestazioni andassero avanti nonostante il divieto di raduni pubblici, parte delle misure di contenimento della pandemia.

Le stime dell’affluenza sono state molto diverse, e i funzionari di Khabarovsk hanno dichiarato che hanno partecipato 6.500 persone. I canali dei social media favorevoli all’opposizione hanno parlato di circa 90.000 persone. Le autorità dicono che almeno 10.000 persone hanno partecipato alle precedenti manifestazioni dell’11 e del 18 luglio, anche se alcuni media locali e i dati dell’opposizione hanno stimato la cifra tra le 35.000 e le 50.000 persone o più, riporta Digital Journal.

Lunedì scorso, il presidente Vladimir Putin ha rimosso ufficialmente Furgal, 50 anni, e ha nominato Mikhail Degtyarev, come suo sostituto, scatenando la rabbia dei residenti di Khabarovsk secondo cui il 39enne mancava di esperienza e non aveva alcun legame con la regione. Degtyarev, in un video, ha respinto le richieste di dimissioni e ha detto che le manifestazioni di massa non riflettono l’opinione pubblica.

La detenzione di Furgal prima del processo di settembre ha scatenato le proteste del suo partito nazionalista, Ldpr, il cui capo Vladimir Zhirinovsky ha giurato di ottenere la grazia presidenziale se Furqal sarà giudicato colpevole per le accuse di ordinato omicidi e tentati omicidi di diversi uomini d’affari nel 2004 e nel 2005.

Anna Lotti