Turkish Stream, Russia e Grecia firmano accordo

56

GRECIA – Atene 19706/2015. I ministri dell’Energia russo e greco, Alexander Novak e Panagiotis Lafazanis, hanno firmato un memorandum sulla costruzione del prolungamento del gasdotto Turkish Stream.

«Il nostro incontro di oggi è un incontro storico (…) Il memorandum esprime la disponibilità di entrambe le parti di implementare il gasdotto» ha detto Lafazanis.
Secondo Lafazanis, il progetto riuscirà ad unire tutti i cittadini europei coinvolti in esso: «Il gasdotto collegherà non solo la Grecia e la Russia, ma anche i popoli d’Europa. Il nostro messaggio è di stabilità e di amicizia (…) Il gasdotto che stiamo cominciando oggi non è contro nessuno in Europa, o contro chiunque altro, si tratta di un oleodotto per la pace, la stabilità in tutta la regione», ha detto il ministro. Secondo il ministro greco, l’energia potrebbe svolgere un ruolo unificante per contrastare la guerra fredda. Mosca e Atene stanno aprendo una nuova strada produttiva verso l’Europa, Lafazanis detto, aggiungendo di sperare che altri paesi avrebbero deciso di unirsi, completato il progetto. Passiamo alla fase successiva, alla seconda fase. Speriamo di vincerla, come abbiamo vinto la prima», ha detto Lafazanis, riferendosi alle trattative.