RUSSIA. Ecco come Mosca gioca sulla scacchiera mediorientale

102

L’intensa attività diplomatica russa in Medio Oriente è degna di nota perché riflette l’approccio poliedrico di Mosca verso quest’area. L’elenco degli incontri e degli eventi svolti mostra che la Russia mantiene canali aperti e cordialità diplomatica con i principali attori, senza essere completamente identificata con una parte o con l’altra.

Questo approccio ha portato Mosca ad emergere come mediatore su una serie di questioni regionali da cui gli Stati Uniti hanno scelto, per stanchezza o altre priorità, di rimanere assenti. Quando la mediazione è necessaria tra Israele e la Siria di Bashar Assad, la Russia è l’unico candidato, come è stato dimostrato in due occasioni significative di recente, riporta Jerusalem Post.

Quando la Turchia aveva bisogno di formalizzare la sua area di controllo nel nord-est della Siria dopo la sua incursione nell’ottobre 2019, Erdogan ha negoziato direttamente con Putin, e il processo di Astana, che riunisce Turchia e Iran sotto l’egida russa, si è trasformato nella via diplomatica più significativa per quanto riguarda la Siria. Ha bypassato il moribondo processo di Ginevra, sostenuto dall’Onu.

In tutte queste aree, il pragmatismo tattico russo si è dimostrato una risorsa. In un modo abbastanza sconosciuto alle pratiche occidentali, ma ben in accordo con le realtà mediorientali, i russi si preoccupano poco della risoluzione finale dei conflitti, e quasi per niente delle modalità di governo e dell’ideologia degli elementi con cui trattano. Procedono sulla base di interessi condivisi, piuttosto che di partenariati a lungo termine.

La situazione che ha vissuto gran parte del mondo arabo dopo il 2010, ha favorito la flessibilità tattica russa: ha permesso ai russi di sostenere apparentemente la riconquista da parte di Assad di tutta la Siria, mentre successivamente hanno negoziato l’attuale partizione de facto del paese al fine di portare la Turchia più lontano dalla Nato e più vicino all’orbita russa. Mosca, poi, ha acconsentito ai bombardamenti aerei israeliani contro obiettivi del presunto partner di Mosca in Siria, l’Iran. Questo nonostante la presenza di una batteria S-400 nella base aerea di Khmeimim nella provincia di Latakia.

L’approccio regionale della Russia ha pagato a causa del vuoto lasciato dal parziale disimpegno degli Stati Uniti dal Medio Oriente. Nella misura in cui Mosca ha cercato di sfidare direttamente Washington in un’area da cui gli Stati Uniti non volevano essere sloggiati, i russi sono stati rapidamente informati del vero equilibrio di potere. Eppure, gli Stati Uniti sotto il presidente Joe Biden non mostrano alcun segno di voler tornare a prendere grandi impegni nella regione.

Il più importante tallone d’Achille per l’approccio regionale di Mosca è la notevole mancanza di risorse finanziarie, che non le consente di essere attore anche nella fase post bellica. Il risultato è che la Russia sta attualmente presiedendo un paese frammentato in cui i principali fronti di combattimento possono non essere più in movimento, ma nulla è stato risolto.

La visita di Lavrov negli Emirati Arabi Uniti è degna di particolare attenzione. I russi e gli emiratini condividono il desiderio di riabilitare il regime di Assad e normalizzare la situazione della Siria. I russi potrebbero essere alla ricerca di modi per introdurre risorse emiratine nella rovina del dominio di Assad, anche se Abu Dhabi dovrà essere prudente nel violare le sanzioni statunitensi in modo non troppo evidente.

Tommaso Dal Passo