RUSSIA. Dopo due disastri ambientali, chiesto l’azzeramento dei vertici di Norilsk Nickel

68

Il gigante minerario russo Norilsk Nickel sta subendo le pressioni di un azionista chiave per rivedere la gestione dopo i disastri ambientali do cui è al centro, tra cui una massiccia fuoriuscita di carburante nell’Artico che ha innescato lo stato di emergenza nell’area.

Il produttore di alluminio Rusal, che possiede il 28% della Norilsk Nickel, ha dichiarato di essere seriamente preoccupato per i recenti incidenti ambientali nell’Artico russo e ha chiesto una revisione della gestione: «Ciò che sta accadendo attualmente a Nornickel invita a mettere seriamente in discussione la competenza del management della società e la sua idoneità ad essere responsabile della gestione dell’azienda», ha detto Rusal in una dichiarazione ripresa da The Moscow Times. Nel comunicato si critica anche «l’inerzia collettiva del management» che, a suo dire, potrebbe portare a «critiche dannose da parte delle comunità ambientali e di investimento».

Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato lo stato di emergenza dopo la fuoriuscita di 21.000 tonnellate di gasolio da un serbatoio di stoccaggio di carburante in uno degli impianti sussidiari di Norilsk Nickel nell’Artico alla fine di maggio. Un massiccio sforzo di bonifica ha comportato l’intrappolamento del diesel galleggiante su corsi d’acqua per evitare che si riversasse nei laghi d’acqua dolce.

Greenpeace Russia lo ha descritto come la prima fuoriuscita su larga scala nella regione al di là del Circolo Polare Artico e Putin ha dichiarato di aspettarsi che Norilsk Nickel ripristini completamente l’ambiente. Domenica scorsa, la società ha annunciato che quasi 45 tonnellate di carburante per l’aviazione erano fuoriuscite da un oleodotto appartenente ad una delle sue filiali vicino a Norilsk. Ha detto che la perdita, che è durata circa 15 minuti durante un trasferimento di petrolio, non rappresentava una minaccia per le persone che vivono nella zona.

Il mese scorso, l’azienda ha annunciato la sospensione dei dipendenti di un impianto di arricchimento vicino a Norilsk dopo aver pompato le acque reflue da un serbatoio pieno nella vicina tundra in una “flagrante violazione” del protocollo.

Rusal il 13 luglio ha detto che chiedeva alla Norilsk Nickel di spostare il suo quartier generale da Mosca alla città

artica di Norilsk – il luogo di diversi recenti incidenti ambientali, tra cui la fuoriuscita di carburante. Nella dichiarazione, il produttore di alluminio si è appellato a Norilsk Nickel per rivedere «le politiche aziendali verso le questioni ambientali e di sicurezza».

Rosprirodnadzor ha multato una filiale di Norilsk Nickel per 147,8 miliardi di rubli per la fuoriuscita, ma la società ha contestato l’entità della cifra.

Anna Lotti