RUSSIA. Come portare il gas verso l’Asia, a mercato europeo chiuso?

185

La riduzione delle forniture energetiche verso l’Europa sta facendo sì che Mosca stia, tra non poche difficoltà, orientando le sue esportazioni di petrolio, gas e carbone verso i mercati asiatici. Per farlo occorrerebbe modificare la rete infrastrutturale russa senza sapere se i mercati orientali siano in grado di assorbirla o se siamo interessati ad acquistarla. Il 19 aprile il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato al suo governo di elaborare dei piani entro il 1° giugno per spostare le infrastrutture russe di gasdotti da ovest a est e costruire le nuove infrastrutture energetiche necessarie.

Da quando è stata creata negli anni ’70, l’infrastruttura esistente della Russia è sempre stata orientata a servire i mercati europei e ha a lungo ignorato i canali rivolti all’Asia. L’oleodotto Druzhba dell’era sovietica e la Russia del nord-ovest e del Mar Nero forniscono tipicamente circa 5 milioni di barili al giorno di petrolio, condensato e altri prodotti petroliferi, mentre solo circa 2 milioni di bpd vengono spediti ai mercati dell’Asia.

Allo stesso modo, gli oleodotti russi a volte inviano oltre 200 miliardi di metri cubi di gas in Europa, mentre la Cina, l’unico altro grande mercato con un collegamento di oleodotti alla Russia, ha preso solo 10,5 miliardi di metri cubi l’anno scorso. E il Power of Siberia che trasporta quel gas è entrata in funzione solo nel dicembre 2019 dopo dieci anni di negoziati, riporta BneIntellinews.

Anche i due principali terminali di esportazione di Gnl della Russia nell’Artico e nell’Estremo Oriente sono nuovi e possono consegnare altri 38 bcm di gas su navi cisterna ai mercati di tutto il mondo, ma soprattutto all’Asia. La produzione di Sakhalin Lng è iniziata nel 2009 e il primo treno dell’impianto Yamal Lng è partito nel dicembre 2017.

L’Europa rappresenta in media circa il 60% delle esportazioni di petrolio e prodotti petroliferi della Russia e il 70% delle sue esportazioni di gas. Consegnare petrolio e gas all’Asia è uno sviluppo recente e piccolo rispetto al vendere idrocarburi all’Europa. Con la probabile perdita dei mercati europei, la Russia si sta rapidamente concentrando sulla costruzione delle sue infrastrutture orientate verso est.

La Russia consegna il suo greggio ai mercati asiatici attraverso l’oleodotto Espo (Eastern Pacific-Siberian Ocean), che ha una capacità di 80 milioni di tonnellate all’anno (tpy), o 1,6 milioni di bpd. Espo arriva fino al porto dell’Estremo Oriente di Kozmino, dove il petrolio può essere caricato su navi cisterna per l’esportazione attraverso l’Asia-Pacifico, e una diramazione che corre in Cina; questo oleodotto sta già lavorando a piena capacità, quindi qualsiasi sua espansione significherebbe costruire un nuovo oleodotto.

L’altra opzione principale per le consegne di greggio alla Cina è attraverso il Kazakistan, tramite l’oleodotto Atasu-Alashankou da 400.000 bpd. L’Atasu-Alashankou è stato originariamente costruito per gestire il petrolio kazako, ma poiché queste spedizioni sono diminuite significativamente negli ultimi anni, attualmente ammontando a soli 20.000 bpd, l’oleodotto è stato riadattato per il transito delle forniture russe.

L’impiego di navi cisterna è un’altra opzione immediata ed economica, poiché l’utilizzo dei porti esistenti non richiederebbe alcun nuovo investimento. Tra i progetti cisterna, la Russia può spedire parte del suo greggio direttamente ai mercati asiatici su navi cisterna, tra cui il progetto Sakhalin-1 da 240.000 bpd nell’Estremo Oriente e il campo Novoportovskoye da 160.000 bpd nell’Artico. L’unica altra opzione della Russia per le forniture di petrolio e prodotti petroliferi ai mercati orientali è la ferrovia, che è relativamente antieconomica, ma è stata usata due decenni fa da Yukos per vendere petrolio alla Cina.

Espo e Atasu-Alashankou possono essere usati per inviare il petrolio non solo dai nuovi giacimenti russi nella Siberia orientale, ma anche dai giacimenti della Siberia occidentale che finora hanno servito principalmente i mercati europei. Ma ci sono dei colli di bottiglia infrastrutturali: Espo potrebbe essere ampliato di nuovo per gestire le consegne extra verso i mercati asiatici, insieme ai gasdotti che lo alimentano. Ma questo avrebbe un costo significativo e potrebbe richiedere anni per la realizzazione.

Circa il 70% delle esportazioni di gas della Russia va verso l’Europa e poiché quasi tutto questo scorre attraverso gasdotti fissi, cambiare la direzione dei flussi di gas verso nuovi mercati è un problema.

La Russia ha stabilito un collegamento via gasdotto con la Cina solo alla fine del 2019: il Power of Siberia da 38 bcm all’anno, che consegna il gas prodotto nel campo Chayandinskoye, e tra qualche anno gestirà anche le forniture del vicino campo Kovyktinskoye, entrambi situati nella Siberia orientale. Con Power of Siberia che attualmente invia solo 10,5 bcm all’anno di gas alla Cina, la Russia sarà in grado di aumentare le forniture di altri 27,5 bcm all’anno nei prossimi anni – lontano dai 155 bcm che la Russia ha inviato in Europa nel 2021.

La Russia ha anche raggiunto un secondo accordo con la Cina, per 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno, a febbraio, per le consegne dai giacimenti al largo dell’isola di Sakhalin, che passeranno attraverso un nuovo passaggio di frontiera in Estremo Oriente.

Tuttavia, attualmente non c’è modo che il gas dei vasti giacimenti russi nella Siberia occidentale, che attualmente soddisfano la domanda europea, raggiunga i mercati asiatici, fatte salve nuove costose infrastrutture.

La Russia affronta due opzioni principali per reindirizzare le sue esportazioni di gas verso est, ed entrambe presentano sfide significative. In primo luogo, potrebbe accelerare lo sviluppo delle esportazioni di GNL, costruendo nuovi impianti di liquefazione nell’Artico e collegandoli ai giacimenti che prima servivano l’Europa. Tuttavia, ci sono enormi punti interrogativi sulla capacità della Russia di raggiungere questo obiettivo.

La Russia ha intrapreso un’azione di localizzazione dopo il crollo delle relazioni con l’Occidente nel 2014, volta a rendere la sua industria del petrolio e del gas più a prova di sanzioni, sviluppando la produzione locale. Ma i risultati sono stati ampiamente deludenti. La seconda opzione per la Russia è la costruzione di migliaia di chilometri di condutture per trasportare le sue vaste riserve di gas della Siberia occidentale alla Cina. La Russia sta già lavorando alla costruzione di un tale progetto da diversi anni. Power of Siberia 2 consegnerebbe fino a 50 bcm all’anno di gas prodotto nella penisola di Yamal nell’Artico russo alla Cina attraverso la Mongolia – un terzo di quello che la Russia esporta attualmente in Europa e la stessa capacità del gasdotto Nord Stream 2, ora bloccato. Ma mentre le attuali condizioni di mercato sono molto favorevoli, Mosca e Pechino devono ancora concludere un accordo di fornitura di gas per sostenere la costruzione del gasdotto, e i negoziati potrebbero richiedere del tempo. Dopo tutto, le due parti hanno impiegato più di un decennio per concordare un contratto per il primo Power of Siberia.

E ci sono limiti a quanto gas la Cina vorrà davvero prendere dalla Russia: Pechino ha perseguito una politica di diversificazione delle importazioni. Evita di fare affidamento su un unico fornitore per una quota troppo grande della sua energia, e ha diverse altre opzioni per il gas extra, tra cui il Turkmenistan e vari esportatori di LNG, tra cui l’Australia.

Questo costringerebbe la Russia a chiudere molti campi petroliferi e ad abbassare la produzione di diversi milioni di barili al giorno, secondo le stime dell’Iea.

Anna Lotti