RUSSIA. Chiusa Memorial: l’ong sulla memoria dei gulag

115

La Corte Suprema della Russia ha ordinato la chiusura di Memorial International, un’importante organizzazione per i diritti umani il 28 dicembre.

Memorial International studia gli abusi storici dell’ex Unione Sovietica e, secondo il suo sito web, mira a portare alla luce la verità sulle sue vittime e offrire sostegno alle loro famiglie.

L’avvocato del gruppo, Tatiana Glushkova, ha confermato la sentenza, riporta Cnn e ha detto che il gruppo farà appello alla decisione: «La vera ragione della chiusura di Memorial è che all’ufficio del procuratore non piace il lavoro di Memorial che riabilita le vittime del terrore sovietico», ha detto Glushkova.

Il gruppo è stato accusato di aver ripetutamente violato la legge per non aver contrassegnato tutte le sue pubblicazioni con un avvertimento obbligatorio di “agente straniero”. Il ministero della Giustizia russo, infatti, aveva designato il gruppo come agente straniero nel 2016, utilizzando una legge che mira alle organizzazioni che ricevono finanziamenti internazionali.

I video postati sui social media hanno mostrato i sostenitori di Memorial che gridavano “Vergogna, vergogna!” nei corridoi del tribunale e all’ingresso dell’edificio poco dopo la sentenza. Sette persone sono state arrestate fuori dal tribunale dopo il procedimento, secondo il gruppo di monitoraggio indipendente OVD-Info.

I rappresentanti di Memorial hanno sostenuto che non c’erano motivi legali per la chiusura del gruppo, e i critici dicono che il governo russo ha preso di mira Memorial per motivi politici. Il premio Nobel per la pace Andrei Sakharov è stato uno dei fondatori originali del gruppo e il primo presidente onorario della Memorial Society.

L’organizzazione sorella di Memorial International, il Memorial Human Rights Center, sta affrontando una sfida simile: i procuratori di Mosca hanno accusato il gruppo di giustificare il terrorismo e l’estremismo nelle sue pubblicazioni.

Il presidente russo Vladimir Putin, in un discorso all’inizio di questo mese, ha accusato Memorial di sostenere gruppi che sono sulla lista nera «come organizzazioni terroristiche ed estremiste».

Salvatore Nicoletta