RUSSIA. C’è Rosatom dietro il nucleare saudita e turco

154

Rosatom punta a costruire il primo reattore nucleare in Arabia Saudita, nell’ambito dell’impegno globale dell’azienda per entrare nei mercati emergenti dell’energia atomica.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato che Rosatom ha presentato un’offerta alle autorità saudite il 13 dicembre, auspicando una stretta collaborazione tra i Paesi per la costruzione di una centrale nucleare e per l’utilizzo delle tecnologie nucleari a scopi pacifici, riporta BneIntelliNews.

«Sono stati consegnati i documenti per la gara d’appalto per la costruzione della centrale nucleare in Arabia Saudita», ha dichiarato Novak, riporta la Tass.

L’amministratore delegato di Rosatom, Alexey Likhachev, ha dichiarato alla fine del 2021 che Rosatom, che riunisce una serie di aziende nucleari statali russe, avrebbe partecipato alla gara d’appalto nucleare dell’Arabia Saudita, spiegando che l’Arabia Saudita è un partner importante per Mosca.

Il nucleare è uno dei principali strumenti del potere industriale del Cremlino e Rosatom sta già costruendo reattori nucleari in Egitto e Giordania in Medio Oriente, mentre sta costruendo centrali nucleari in India, Bangladesh e Cina.

Il Cremlino ha recentemente insistito sul fatto che le sanzioni dell’Ue contro la Russia non hanno influenzato in alcun modo le operazioni nucleari estere della Russia.

Rosatom ha dichiarato che tali restrizioni non costituiranno un problema per il finanziamento della centrale nucleare di Akkuyu in Turchia, che i russi stanno finanziando e costruendo.

«L’impianto è costruito secondo il modello build-own-operate e la Russia è l’unica responsabile del finanziamento del progetto», ha dichiarato Kirill Komarov, primo vice direttore generale di Rosatom, aggiungendo che l’impianto è completamente finanziato per i prossimi anni.

Likhachev ha recentemente affermato che sta per nascere un nuovo club nucleare dei mercati emergenti, con Bangladesh, Uzbekistan, Kazakistan, Kirghizistan, Turchia, Egitto e Arabia Saudita che stanno cercando di espandersi.

Rosatom ha 23 ordini per reattori in otto Paesi e accordi intergovernativi su altri 34.

Novak ha inoltre dichiarato che Mosca intende aumentare la quota di energia nucleare nel bilancio energetico totale della Russia al 25% entro il 2040, rispetto all’attuale 20%, sviluppando una nuova generazione di reattori più piccoli, mobili e installabili su navi e chiatte.

«Ad oggi, la quota di generazione nucleare in Russia si attesta intorno al 20%, mentre nella parte europea [del Paese] è quasi del 40%, essendo questa la maggiore fonte di energia pulita a livello nazionale. La Russia intende aumentare la quota di energia nucleare nel bilancio energetico totale del Paese fino al 25% entro il 2040», ha dichiarato il ministro, scrivendo su Energy Policy, secondo quanto riportato dalla Tass.

La Russia mira inoltre a conquistare il 20% del mercato globale dei reattori nucleari di piccola taglia entro il 2030.

Nel 2021 è stata avviata la costruzione del reattore veloce BREST-OD-300 con refrigerante al piombo, nell’ambito del progetto “Breakthrough”, che mira a sviluppare una tecnologia di reattori in grado di riutilizzare più volte il combustibile nucleare esaurito.

Questi reattori, fino a 50 MW, sono adatti per l’uso in regioni remote che non hanno accesso alle reti elettriche. I reattori di piccole dimensioni sono spesso ospitati su navi di nuova concezione che possono essere trasportate in località della costa settentrionale dell’Artico.

«Questo permetterà di riutilizzare il combustibile esaurito un numero infinito di volte, risolvendo il problema del costoso stoccaggio del combustibile nucleare esaurito. Entro il 2030, la quota russa del mercato globale delle centrali nucleari a bassa potenza dovrebbe raggiungere il 20%», ha spiegato Novak.

La Russia è uno dei principali sviluppatori mondiali di reattori a bassa potenza. I progetti russi includono il reattore modulare RITM-200 in fase di sviluppo in Yakutia per l’esplorazione del giacimento aurifero di Kyuchus. Inoltre, è stato raggiunto un accordo per la costruzione di quattro unità elettriche galleggianti per lo sviluppo della zona mineraria di Baim, in Chukotka.

«Si tratta del primo progetto di elettrificazione di un polo industriale al mondo che utilizza centrali nucleari galleggianti. È in fase di sviluppo un nuovo microreattore Shelf-M extra mobile e universale», ha aggiunto Novak.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/