Duma: mai più audit stranieri per le aziende pubbliche

67

RUSSIA -Mosca. 12/11/14. La Duma di Stato ha introdotto una legge che vieta alle imprese straniere e le loro “filiali” la revisione imprese di proprietà dello stato russo. Fonte Izvezia.ru. Questa almeno è l’intenzione della Duma i cui membri del partito LDPR porteranno oggi un disegno di legge che modifica l’articolo 5 della legge federale “Sull’Auditing”. In base alla legge, le imprese straniere non possono effettuare gli audit delle imprese a partecipazione statale. Il disegno di legge (a disposizione di “News”), predisposto dal vice-presidente della Duma di Stato, Igor Lebedev, vice capo della fazione LDPR Jaroslav Nilov e dell’altrovice Andrei Svintsov.

L’adozione delle modifiche proposte creerà condizioni favorevoli per le società di revisione russe, sostengono nel documento di presentazione della legge gli autori. Secondo alcuni analisti, gli esperti russi non avrebbero nulla da invidiare ai quattro colossi internazionali: PricewaterhouseCoopers, KPMG, Ernst & Young, Deloitte & Touche che anche in Russia la fanno da padroni. Secondo la nota esplicativa al disegno di legge, vi è una tendenza ad aumentare il rischio di danni per l’economia nazionale. Così, in quella parte dell’attività economica, che è regolata dalla legge “per la revisione contabile”, è dominato da rappresentanti delle società di revisione internazionali e la crescita è tendenziale della presenza di queste organizzazioni nel mercato dei servizi di revisione. Secondo il disegno di legge gli autori, ritengono che questa circostanza sia dannosa per gli interessi economici della Russia.
Fino ad oggi, le più grandi imprese russe dipendono dai servizi forniti dalle organizzazioni di controllo di proprietari stranieri. I deputati ritengono che questo potrebbe causare un dubbio sulla revisione contabile condotta da una procedura di valutazione indipendente dall’organizzazione.
Il Vice Presidente della Duma di Stato, Igor Lebedev, ha detto alla testata Izvestia, che è assolutamente illogico consentire l’accesso alle informazioni finanziarie del governo russo a stranieri.
«Dovete capire che le società di proprietà statale sono abbastanza significativa e il settore è sostanziale per la vita economica del nostro Paese. E consentire alle aziende straniere di effettuare una verifica interna può essere dannoso. La prima cosa da tenere a mente è che nelle condizioni di relazioni politiche moderne con i paesi occidentali, avere stranieri che leggono “i numeri” delle aziende russe, tali azioni possono essere negativi», – ha detto il deputato. 
Igor Lebedev ha detto che la proposta di legge presentata non toccherà società commerciali private. Secondo lui, essi possono, come in precedenza, scegliere assolutamente eventuali revisori dei conti.
«Le società private non rappresentare gli interessi dello Stato, non hanno segreti di Stato. Ma le aziende che sono impegnate in contratti governativi non possono mettere a repentaglio la sicurezza economica del paese. Tanto più che abbiamo la nostra organizzazione di controllo professionale che si possono realizzare le operazioni di revisione necessarie. E in questo caso, le informazioni ottenute non defluiranno verso l’Occidente. Così, inoltre sosteniamo le imprese locali, ha detto il deputato.
Co-autore del disegno di legge deputato della Duma Andrei Svintsov spiegato “Izvestia”, le modifiche vengono rivolge principalmente agli ordini di esecuzione del presidente della Russia Vladimir Putin per la sicurezza del nostro Paese, anche di tipo economico.
«Come possiamo garantire la sicurezza, se tutte le maggiori società russe, tra cui il settore della difesa, le banche a partecipazione statale, forniscono informazioni agli stranieri. La maggior parte risentono del fatto che vi è un enorme elenco delle società in cui lo Stato ha una partecipazione del cento per cento, e si sono rivolti per l’audit alle “quattro grandi”. E in queste aziende sono specialisti occidentali, che hanno accesso a documenti e materiali. Questa pratica deve essere cambiata» – ha detto il deputato.
Andrew Svintsov aggiunto che, al fine di evitare espedienti imprese di revisione contabile occidentali restrizioni sono imposti non solo stranieri, ma anche sulla società russe con la partecipazione degli stranieri. 
«La legge sarà in grado di bypassare la registrazione stipulando nuovi contratti con società di revisione russe di capitali esteri esistenti. Ma queste aziende avranno anche il divieto di effettuare controlli nel settore economico pubblico» ha detto il deputato.