Asse alimentare Russia-ASEAN

74

MYANMAR – Naypyidaw 28/08/2014. Il ministro dello Sviluppo Economico russo Alexei Ulyukayev ha invitato i paesi membri dell’Asean ad aumentare le loro esportazioni alimentari verso la Russia durante il recente meeting Asean a Naypyidaw, capitale del Myanmar.

«Vorrei richiamare la vostra attenzione sulle opportunità che si presentano ai paesi Asean nel settore delle esportazioni agricole, in particolare, di frutta e verdura. Siamo consapevoli degli elevati standard di produzione agricola dei vostri paesi e vorremmo importare altri vostri prodotti alimentari, come frutti di mare, noci, carne di manzo, maiale, pollo, oltre a, ovviamente, frutta e verdura», ha detto Ulyukayev.
Il ministro dello sviluppo economico russo è in Myanmar per partecipare ai colloqui ministeriali tra la Russia e l’Asean e per l’incontro della Commissione internazionale per la cooperazione commerciale ed economica Russia-Myanmar. Il ministro ha sottolineato il progressivo rafforzamento dei legami economici tra Russia e Asean.
«L’anno scorso, il fatturato del commercio tra la Russia e l’Asan ha raggiunto i 17,5 miliardi di dollari, e quest’anno abbiamo già superato quella cifra ed è previsto un aumento del 6 per cento rispetto allo scorso anno», ha aggiunto il ministro.
Ulyukayev ha parlato anche della crescita degli investimenti russi nei paesi membri dell’Asean, con 20 miliardi di dollari previsti per il Vietnam, e 7 miliardi di dollari per l’Indonesia. Alla riunione della commissione internazionale parteciperanno 60 rappresentanti di imprese russe interessate a lavorare con i paesi dell’organizzazione.
Oltre alla cooperazione economica, la Russia e l’Asean stanno sviluppando i legami militari: a giugno è stato annunciato che la Russia avrebbe partecipato a esercitazioni navali internazionali, insieme agli Stati membri dell’Asean.
All’organizzazione politica ed economica internazionale, creata nel 1967, partecipano 10 paesi del sud-est asiatico: Indonesia, Malaysia, Filippine, Singapore, Thailandia, Brunei, Cambogia, Laos, Myanmar e Vietnam.