Nuova ambasciata ruandese in Turchia

33

RUANDA – Kigali. Il Ruanda ha deciso di aprire l’ambasciata in Turchia, a Istanbul, per facilitare i legami commerciali tra i due Paesi. 

 

L’iniziativa era già nell’aria quando lo scorso anno durante il forum sul commercio e investimenti tra Turchia e Ruanda a Istanbul il presidente Paul Kagame del Ruanda ha detto che era entusiasta di accogliere nuovi investitori turchi e che le buone relazioni tra i due paesi faciliterebbero la nascita di nuovi legami commerciali. Con tre voli settimanali tra Kigali e Istanbul per gentile concessione di Turkish Airlines, per i ruandesi si aprono altre prospettive commerciali. Il Ruanda ha nel corso degli anni, ha guadagnato una solida reputazione in Africa considerato un Paese di buone opportunità di business e  commercio per via delle sue pratiche commerciali etiche. La Turchia ha emulato la spinta della Cina di incrementare il commercio con l’Africa Orientale. Vuole erodere la quota di mercato di africani partner commerciali tradizionali: Europa e Nord America.

Nel 2012 il vice primo ministro Bulent Arinc turco, durante l’apertura del forum economico Turchia-Africa, ha detto che l’Africa ha uno speciale rapporto di fratellanza e di business nel cuore della Turchia. E ha detto che il suo paese è aperto a fare affari con l’Africa su un piano di parità.

Il passo successivo appunto è stato quello di dare vita ad un’ambasciata del Ruanda inTurchia così gli Investitori turchi hanno più a portata di mano il mercato della Comunità dell’Africa orientale (EAC) con una popolazione di 130 milioni, e un funzionamento dell’Unione doganale che consente la libera circolazione delle merci e dei servizi all’interno del blocco.