ROMANIA. Bucarest avrà i missili antinave USA

136

Il governo rumeno ha approvato e inviato al parlamento un progetto di legge che permetterà al Paese di acquistare sistemi di difesa costiera missilistica, Naval Strike Missile, attraverso una procedura di vendita militare estera.

«I sistemi missilistici anti-nave da acquistare comprendono, ma non sono limitati a: quattro veicoli di lancio mobili, una piattaforma per il comando, il controllo e le comunicazioni, piattaforme di trasporto e di carico/scarico, sensori, supporto logistico iniziale, attrezzature per la manutenzione e il collaudo», ha detto il ministero della Difesa Nazionale rumeno in un comunicato, ripreso da Defense News.

Sviluppato da Raytheon e Kongsberg, l’Nsm è un missile anti-nave a sfioramento marino, cosiddetto “over-the-horizon”. Lo scorso ottobre, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la sua potenziale vendita, dopo che Bucarest ha richiesto l’acquisto di due sistemi di difesa costiera.

«La vendita proposta migliorerà la capacità della Romania di far fronte alle minacce attuali e future, migliorando le capacità di difesa marittima della Romania nel Mar Nero e aumentando l’interoperabilità con gli Stati Uniti”, si legge nell’annuncio del Dipartimento Usa. «La Romania utilizzerà questa arma di precisione a lungo raggio per migliorare l’efficacia della missione, la capacità di sopravvivenza e l’interoperabilità della Nato nelle missioni e nelle operazioni attuali e future».

Il pacchetto proposto comprende fino a 10 Link 16 Multifunctional Information Distribution System-Joint Tactical Radio Systems, due centri di distribuzione del fuoco del sistema di difesa costiero, quattro veicoli di lancio mobili, veicoli di carico per il trasporto e i missili stessi, oltre ad altre attrezzature.

Il potenziale contratto è stimato in circa 286 milioni di dollari, ma il suo valore preciso deve essere determinato all’inizio della procedura di acquisto, secondo il ministero rumeno.

Secondo le stime precedenti, il valore previsto dell’appalto è di 137 milioni di euro, pari a 166,5 milioni di dollari. Secondo la legge rumena, gli acquisti di armi e attrezzature militari per un valore superiore a 100 milioni di euro devono essere approvati dal parlamento del paese. Il Ministero ha dichiarato di voler acquisire i sistemi entro il 2024.

Il governo rumeno di coalizione di centro-destra controlla la maggioranza dei seggi sia nella camera alta che in quella bassa del parlamento, il che significa che i legislatori hanno più probabilità di far passare il disegno di legge del governo.

Tommaso Dal Passo